Stallo a Washington, in Cina sta per tornare Covid19


Borse dell’Asia in ribasso. Uno scienziato avverte che alla fine del mese prossimo, i contagi saranno intorno ai sessanta milioni la settimana.

Cresce più del previsto l’inflazione in Gran Bretagna.

Mediobanca prevede di distribuire ai soci 3,7 miliardi di euro, attraverso buy back e dividendi.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


L’assenza di novità riguardanti lo stato di avanzamento del negoziato sulla spesa pubblica in corso a Washington tra l’amministrazione Biden ed i repubblicani ha penalizzato ieri Wall Street. Il Nasdaq ha perso l’1,4% ed il Dow Jones lo 0,7%. Se per una volta l’indice delle blue chip ha ottenuto un risultato migliore dell’indice dei tech, è perché i petroliferi sono stati tra i protagonisti della seduta. Ma anche per le banche, soprattutto quelle di media e piccola dimensione, è stata una buona giornata. Il mondo tech è stato invece penalizzato dalle indiscrezioni sui licenziamenti decisi da Alibaba nell’area cloud ed intelligenza artificiale. La riduzione del personale di circa il 7%, secondo CNBC, è propedeutica allo sbarco in borsa successivo allo scorporo, quindi di per sé potrebbe anche non essere in alcun modo indicativa di un cambio di atteggiamento dei vertici del gruppo fondato da Jack Ma, ma è intanto qualcosa di nuovo, rispetto agli annunci di lanci di nuovi investimenti e di nuove iniziative nell’AI.

A zavorrare Wall Street sono state anche le dichiarazioni di alcuni rappresentanti repubblicani al Congresso. Il leader della Camera, Steve Scalise ha chiesto al Tesoro di essere più trasparente nel calcolo dei giorni utili prima del default, un’affermazione, poi ripresa da altri membri dell’opposizione, che mette in dubbio il termine ultimo per la votazione di una legge che permetta l’innalzamento del tetto al debito.

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in ribasso, il future dell’indice Dax di Francoforte perde lo 0,5%. Ieri il Ftse Mib di Milano ha chiuso con una flessione dello 0,5%.

Nel Regno Unito l’inflazione è salita più del previsto in aprile: i prezzi al consumo sono saliti su base sequenziale dell’1,2%, il consensus era +0,7%, da +0,8% di marzo.

ASIA PACIFICO

Tutte giù le borse dell’area. Hong Kong -0,7%, Shanghai -0,4%. Tokyo -0,4%. La Cina sta per affrontare una nuova ondata di Covid-19, con un picco di contagi, oltre sessanta milioni la settimana previsto intorno a fine giugno. La previsione è arrivata ieri da Zhong Nanshan, considerato il massimo esperto cinese di malattie respiratorie. Le dichiarazioni dello scienziato sono state riprese e rilanciate anche dal Global Times e da tutta la stampa considerata vicina alle autorità di Pechino.

Sale la borsa di Wellington, dopo che la banca centrale della Nuova Zelanda ha aperto alla possibilità di uno stop al rialzo dei tassi. Il dollaro neozelandese perde oltre un punto percentuale nei confronti del dollaro degli Stati Uniti.

EURO

Il cross è sui minimi di periodo a 1,077.

"Porteremo i tassi di interesse a livelli sufficientemente restrittivi e li manterremo a quei livelli per tutto il tempo necessario in modo da riportare l'inflazione al nostro obiettivo del 2% in modo tempestivo". Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, in un editoriale pubblicato dal Rundshau alla vigilia del 25mo anniversario della Bce.

BTP

Il decennale italiano ha chiuso a 4,31% di rendimento. Poco mosso lo spread. E’ andato molto bene il collocamento del nuovo BTp a scadenza quindici anni e indicizzato all’inflazione europea: la raccolta ordini è stata la più grande di sempre. In totale la domanda ha raggiunto la vetta dei 24 miliardi di euro, record storico per un titolo di questo tipo. Alla fine il Tesoro e le banche collocatrici (Barclays, Citibank, Deutsche Bank, JP Morgan e Societé Generale nel ruolo di lead manager) hanno deciso di emettere 4 miliardi. Il Sole24Ore scrive che “non si tratta di domanda speculativa o mordi e fuggi, dato che il bond è stato allocato per circa un quarto a banche e per circa due terzi a real money. Cioè a investitori stabili. Ma quello che più colpisce è un altro aspetto ancora: la richiesta di acquistare il nuovo BTp è arrivata per circa l’80% dall’estero. Segno che l’Italia attira domanda internazionale sul suo debito, come dimostra anche la stabilità dello spread sui Bund che anche ieri è rimasto fermo a 185 punti base”.

SOCIETA’ DEL RISPARMIO GESTITO

Viene presentata oggi dalla Commissione Europa, la Retail Investment Strategy (Ris). Si tratta, come scrive il Sole24Ore, di una “riforma organica per la tutela dell’investitore al dettaglio” in grado di avere un effetto rilevante sul mondo del risparmio. Il provvedimento è stato oggetto di accesi dibattiti su una questione in particolare, ovvero l’abolizione delle retrocessioni, che rappresentava sicuramente la scelta verso cui era fortemente orientata Mairead McGuinness, commissaria europea per la stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’unione dei mercati dei capitali. A quella soluzione si sono opposti quasi tutti gli stati europei e i rappresentanti dell’industria, favorevoli invece le associazioni dei consumatori e in genere i consulenti autonomi. Il testo presentato oggi non contiene più questa previsione ma contiene molti paletti rilevanti per chi crea e distribuisce prodotti finanziari.

TITOLI

Mediobanca ha presentato stamattina il nuovo piano industriale 2023-26. La società prevede una crescita nei ricavi a 3,8 miliardi con con solida contribuzione da parte di tutti i segmenti di attività. Il Wealth Management avrà il maggior tasso di crescita organica al 10%. L’utile per azione è atteso in crescita del 15%. compreso in una range fra 1,15 ed 1,80, considerando la cancellazione di circa l’80% delle azioni derivanti dal piano di buyback.

Enel. Equatorial Energia e Cpfl Energia stanno valutando l'acquisizione della controllata Enel Ceara che opera nel settore dell'energia elettrica in Brasile. Lo hanno reso noto le due società energetiche, pur sottolineando che ogni potenziale accordo rimane lontano.

Pirelli. Il patto parasociale siglato dagli azionisti principali è entrato in vigore il 19 maggio scorso ma resta sospeso, insieme ai diritti di voto di Sinochem, in attesa che si chiuda il procedimento relativo all'eventuale utilizzo del golden power da parte del governo.

Brunello Cucinelli ha raggiunto un accordo per la cessione a Chanel del 18,5% di Cariaggi Lanificio, scendendo al 24,5% del capitale. Chanel ha acquistato dalla famiglia Cariaggi un altro 6%. La famiglia resta il principale azionista con il 51% mentre gli altri due soci hanno il 24,5% a testa.


Idea di investimento
Possibile premio del 16,50% annuo con il certificate su Iberdrola, Plug Power e Veolia
Sottostanti:
Veolia Environnement S.AIberdrola S.A.Plug Power
Rendimento p.a.
16,5%
Cedole
1,375% - €13,75
Memoria
si
Barriera Cedole
50%
ISIN
IT0006754128
Emittente
Marex Financial
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy