Stellantis, alleanza con CATL per batterie elettriche


La società prosegue nella sua strategia che punta a raggiungere il 100% delle vendite con veicoli elettrici a batterie in Europa, mentre gli ultimi dati sulle sue immatricolazioni nell’Unione europea mostrano un aumento delle vendite nel mese di ottobre grazie al boom proprio delle auto elettrificate.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Stellantis e CATL

Stellantis prosegue sulla strada dell’elettrificazione e si allea con i cinesi di Contemporary Amperex Technology Co (CATL), società attiva nell’innovazione tecnologica per le nuove forme di energia e nella fornitura di servizi legati al settore.

Ieri sera la casa automobilistica ha comunicato la firma di un memorandum d’intesa non vincolante CATL per la fornitura a livello locale di celle e moduli batterie al litio-ferro-fosfato (Lfp) per l’alimentazione dei veicoli elettrici della casa automobilistica italo-francese prodotti in Europa.

Le due società valuteranno anche la possibilità di creare una joint venture con partecipazioni equivalenti a supporto della strategia di elettrificazione di Stellantis.

A Piazza Affari, intanto, il titolo STLAM apre negativo questa mattina, segnando un calo dello 0,80% e toccando un minimo di 18,718 euro, in un inizio di seduta debole anche per il FTSE MIB (-0,50%).

La collaborazione

Nella nota pubblicata viene illustrata la collaborazione tra le due società, nella quale è prevista l’elaborazione di una tabella di marcia per la tecnologia che supporti i veicoli elettrici a batteria di Stellantis e l’identificazione di possibili opportunità per rafforzare ulteriormente la catena del valore delle batterie.

La tecnologia Lfp permetterà a Stellantis di produrre autovetture, crossover e Suv elettrici durevoli, economici e di alta qualità nei segmenti B e C grazie alla lunga durata e alla sua stabilità termica.

L’accordo rientra nel Piano Strategico Dare forward 2030 di Stellantis, con il quale la società punta a raggiungere entro il 2030 il 100% del mix di vendite con veicoli elettrici a batteria (Bev) in Europa e il 50% con autovetture e veicoli commerciali leggeri Bev negli Stati Uniti, oltre a voler diventare un’azienda a “zero emissioni nette entro il 2038”.

L’accordo con Catl sulle batterie Lfp rappresenta “un ulteriore elemento della nostra strategia di lungo termine per garantire la libertà di movimento della classe media europea”, spiega Carlos Tavares, ceo di Stellantis.

Di “passo decisivo” nel percorso di entrambe le società verso gli obiettivi di neutralità delle emissioni di carbonio parla Robin Zeng, Presidente e Direttore Generale di CATL.

Le immatricolazioni del gruppo

Questa mattina, intanto, l’Associazione dei costruttori europei ACEA ha comunicato il dato sulle immatricolazioni di ottobre nell’Unione europea.

Il gruppo Stellantis, che comprende tra gli altri i marchi Fiat, Jeep, Alfa Romeo, Peugeot, Opel/Vauxhall, Citroen e Ds, ha aumentato le sue vendite del 10,8%, con una quota di mercato che sale al 17,4% dal 17,2% di settembre.

Nei primi dieci mesi dell'anno le auto immatricolate dal gruppo sono 1.831.653, il 6% in più dell'analogo periodo dell'anno scorso, con la quota in calo dal 18,8% al 17,1%.

Tra gli altri gruppi, Volkswagen (comprese Audi e Porsche), mostra una performance negativa (-5,3%) e vede salire la sua quota al 9,3%, mentre Renault registra una crescita delle vendite del 24,4%, con una quota in aumento al 9,9%.

Fra le auto più alte di gamma, la tedesca Mercedes fa segnare un +11,8%, con quota di mercato in calo al 5,4%, mentre BMW (compresa la Mini) registra un +17% in termini di vendite con quota di mercato in aumento al 7,3%.

I dati dell’Unione europea

Complessivamente, nell'Unione europea le vendite sono aumentate del 14,6%, grazie anche al forte incremento delle vendite di auto completamente elettriche, mentre i veicoli ibridi elettrici hanno rappresentato quasi tre veicoli su dieci venduti nel blocco economico.

Le immatricolazioni di sole auto completamente elettriche sono cresciute del 36,3% rispetto all’anno precedente (+50% nei 10 mesi), quelle ibride di quasi il 39%, al 15° mese consecutivo di aumento. La quota di auto completamente elettriche è arrivata al 14,2% ad ottobre, superando per la terza volta le vendite di auto diesel, quest’ultime passate dal 50% del 2015 all’attuale 12%.

Secondo l'ACEA, i veicoli elettrificati (modelli completamente elettrici, ibridi plug-in o ibridi completi) rappresenteranno oltre il 47% di tutte le immatricolazioni di autovetture nuove nell'UE tra gennaio e ottobre 2023, rispetto al 42% dello stesso periodo dello scorso anno.


Idea di investimento
Premi incondizionati del 10% annui con il certificate su ENI, Stellantis e UniCredit
Sottostanti:
UniCredit S.p.AStellantis NVEni S.p.A
Rendimento p.a.
10%
Cedole
2,5% - €25,00
Memoria
no
ISIN
DE000VM0FN12
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy