Stellantis si rafforza in Turchia


L’accordo firmato con Koç Holding permetterà alla casa automobilistica di aumentare le vendite dei suoi marchi e servizi nel paese turco, quest’ultimo sempre più importante nella strategia della società italo-francese.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Stellantis e l’accordo in Turchia

Aumentare la disponibilità di tutti i suoi marchi venduti in Turchia. Con questo obiettivo, Stellantis ha stipulato un accordo con Koç Holding per il rafforzamento della joint venture Tofaş, consolidando così il potenziale delle sue attività nel paese attraverso una più efficiente offerta di prodotti e servizi best-in-class a clienti partner.

L’accordo è stato annunciato ieri dalla casa automobilistica in una nota e comprende l’acquisizione da parte di Tofaş dell’intera quota di capitale di Stellantis Otomotiv Pazarlama A.S., l’azienda di Stellantis Türkiye che i occupa di distribuzione nel paese.

“La creazione di un’unica entità in Turchia, supportata da due azionisti forti, favorirà lo sviluppo di sinergie senza precedenti nell’ambito delle attività commerciali, nel settore della produzione e nella ricerca e sviluppo e in generale consentirà di presentare ai consumatori turchi un’offerta più ampia ed efficiente di prodotti e servizi. Nuove opportunità commerciali consolideranno ulteriormente il potenziale di Tofaş”, spiega la società nella nota.

“La Turchia riveste un ruolo fondamentale nel nostro piano strategico a lungo termine Dare Forward 2030 per diventare leader di mercato in Medio Oriente e Africa”, dichiarava il Ceo di Stellantis, Carlos Tavares.

“Il consolidamento della partnership con Koç porterà nuove sinergie, un aumento del valore e la crescita del potenziale di mercato per i marchi del Gruppo Stellantis in tutti i segmenti. Essendo una delle principali imprese industriali turche, la nostra joint venture Tofaş rappresenta uno dei nostri più importanti centri di produzione e di ricerca e sviluppo”, aggiungeva il manager.

I dettagli

In base all’accordo Stellantis assegnerà a Tofaş la produzione del modello K0 sia nella versione veicolo commerciale leggero di medie dimensioni che autoveicolo, progettato per cinque marchi, che dovrebbe prendere il via a partire dall’inizio del 2025.

Inoltre, l’attuale produzione del Fiat Doblò continuerà fino all’inizio dei lavori sulle linee del modello K0 previsti per luglio 2023 mentre il progetto Fiat Egea/Tipo continuerà fino alla fine del 2025.

La chiusura dell’operazione è soggetta alle necessarie approvazioni normative, compresa quella delle autorità competenti in tema di concorrenza, ed è attesa per la seconda metà del 2023.

Le immatricolazioni in Italia

Oggi sono state comunicate le immatricolazioni di auto in Italia, cresciute del 17,5% e arrivate a 130.365 unità rispetto alle 110.915 dello stesso mese del 2022.

Da inizio anno, inoltre, le immatricolazioni sono cresciute del 18,25% a 258.689 unità.In tale contesto, lo scorso mese le vendite di Stellantis sono diminuite dello 0,9% a 41.504 vetture, mentre nei primi due mesi del 2023 sono aumentate del 5,6% a 84.993 unità.A livello di singoli marchi del gruppo, Alfa Romeo a febbraio ha immatricolato 1.757 unità (+172,4%), Jeep 6.247 (+32,8%), Citroen/Ds 5.249 (+1%), Fiat 15.306 (-4,74%), Lancia 2.457 (-36,85%), Maserati 261 (+103,9%), Opel 4.016 (-9,47%), Peugeot 6.472 (-6,62%).

Leasys e Free2move

Nel frattempo, Stellantis annunciava la creazione di una nuova società di mobilità specializzata nel leasing operativo multimarca a seguito del consolidamento delle attività di Leasys e Free2move Lese.

Il nuovo soggetto verrà detenuto al 50% dalla stessa Stellantis e da Crédit Agricole Consumer Finance e dovrebbe nascere per la prima metà del 2023.

Il nuovo player della mobilità partirà con una flotta di circa 828.000 veicoli e sarà operativo in 11 Paesi con con tutti i brand Stellantis, oltre ad un approccio multimarca.

La missione della nuova società consiste nel diventare leader europeo nei servizi di mobilità, con un obiettivo di un milione di veicoli in flotta entro il 2026.

L’organizzazione societaria prevede Richard Bouligny quale nuovo Presidente mentre Rolando D’Arco ne assumerà la guida, in qualità di CEO, a cui riporteranno Arnaud de Lamothe, Commercial Deputy CEO e Antoine Delautre Finance Deputy CEO.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 10,60% annuo con il certificate su Renault, Stellantis e Volkswagen
Sottostanti:
Volkswagen AGStellantis N.V.Renault SA
Rendimento p.a.
10,6%
Cedole
2,65% - €26,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VU2XVN5
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: STLA.MI
Isin: NL00150001Q9
Rimani aggiornato su: Stellantis

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni