Sussidi di Stato ai produttori americani di chip, vola Nvidia


Il Senato Usa ha avviato l’iter per l’approvazione del Chips for America Act, un disegno di legge che stanzia 52 miliardi di dollari per rafforzare la produzione americana di semiconduttori. Intel l’azienda favorita, ma la Borsa premia Nvidia (+5,5%)


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Sussidi e sovvenzioni statali per 52 miliardi di dollari.

Sussidi e sovvenzioni statali per 52 miliardi di dollari per rafforzare l’industria americana dei chip e ridurre la dipendenza degli Usa dalle fabbriche cinesi e di Taiwan. Il disegno di legge chiamato Chips for America Act ha iniziato martedì 19 luglio il suo iter per essere approvato al Senato Usa e il voto finale potrebbe arrivare la settimana prossima.

La notizia ha spinto al rialzo tutti i produttori di chip, da Intel (+3,9%) a Texas Instruments (+3,1%), ma a sorpresa chi ne ha beneficiato maggiormente sono Nvidia (+5,5%) e Amd (+5,4%), le due aziende leader nella progettazione e nel disegno di chip, ma prive di fabbriche (fabless). Nvidia e Amd fanno produrre i loro semiconduttori da varie fonderie, fra le quali la principale è la taiwanese TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing).

Il provvedimento è figlio della crisi dei chip, che dopo la pandemia ha gettato lo scompiglio in quasi tutti i settori produttivi, dall’automotive ai produttori di pc e cellulari, senza dimenticare le console del gaming e l’elettronica da consumo. L’America si è trovata dipendente dalle fonderie della Cina e di Taiwan, una posizione scomoda e strategicamente pericolosa. Dall'inizio degli Anni '90 la produzione di chip negli Stati Uniti è scesa da una quota del 37% a livello globale ad appena il 12%. La carenza di chip dell'anno scorso è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e i politici statunitensi sono diventati ansiosi di trasformare il settore favorendo il ritorno della produzione sul territorio nazionale.

La forte azione di lobbying di Intel.

Il parere unanime degli analisti è che il principale beneficiario del disegno di legge sia Intel, il primo produttore americano di chip. L’azienda ha fatto una forte azione di lobbying per ottenete il provvedimento. Addirittura il mese scorso il Ceo Patrick Gelsinger ha deciso di rinviare la cerimonia per l’avvio dei lavori per la realizzazione di una nuova fabbrica di chip nell’Ohio. La nuova fabbrica, un investimento da 20 miliardi di dollari, inizierà ad essere costruita soltanto dopo l’approvazione definitiva del Chips for America Act.

Ma allora come mai Nvidia è il titolo che ha corso di più martedì? Le risposte possibili sono due: da un lato un analista ricorda che non molto tempo fa il Ceo Jensen Huang ha detto di avere contatti con Intel per acquistare alcune attività produttive dell’azienda rivale. Dall’altro, c’è la possibilità che il disegno di legge venga modificato all’ultimo momento introducendo sgravi fiscali a favore delle aziende che disegnano e progettano chip.

Nvidia è scesa in Borsa del 43% dall’inizio dell’anno.

Resta comunque il fatto che Nvidia è uno dei titoli più colpiti dal ribasso di questi mesi (-43% dall’inizio dell’anno). In questi casi, quando c’è una situazione di ipervenduto, basta un minimo appiglio per fare scattare una reazione positiva.

Nvidia non sembra coinvolta nei recenti allarmi su un possibile calo della domanda dei processori grafici (GPU), i semiconduttori ad alta capacità di calcolo di cui è leader mondiale. Il primo trimestre dell’esercizio 2022-’23, chiuso lo scorso 1° maggio, ha evidenziato una crescita record dei ricavi a 8,29 miliardi di dollari, in aumento del 46% sullo stesso periodo dell’anno precedente. L’utile per azione è salito del 49%.

Il consensus degli analisti precede per l’intero esercizio ricavi a 33,4 miliardi di dollari (+24%). Il P/E 2023 è sotto le 40 volte (39,4) e la redditività, intesa come margine operativo, è ai livelli più alti nella storia dell’azienda al 47%.
Dei 42 analisti che coprono il titolo, 34 consigliano di comprare le azioni e il target price medio è 238,9 dollari, un obiettivo che implica un rialzo del 48% rispetto al prezzo di chiusura di martedì di 170 dollari.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento del 15,92% annuo con il certificate su ASML, Marvell Technology e NVIDIA
Sottostanti:
ASML Holding NVMarvell Technology Group LtdNVIDIA Corporation
Rendimento p.a.
15,92%
Cedole
3,98% - €39,80
Memoria
si
Barriera Capitale
60%
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VV34TD0
Maggiori Informazioni

Possibile rendimento annuo del 17,80% con il certificate su Nvidia
Sottostanti:
NVIDIA Corporation
Rendimento p.a.
17,8%
Cedole
4,45% - €44,50
Memoria
si
Barriera Capitale
60%
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VV19PC1
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: NVDA.US
Isin: US67066G1040
Rimani aggiornato su: NVIDIA

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni