Tutto quello che non ha detto Powell


Il discorso del numero uno della Fed ha mandato al tappeto i mercati, vediamo perché, cosa ha detto e cosa ha fatto capire e gli effetti sul mercato e i portafogli.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Trascrizione della dichiarazione di apertura della conferenza stampa del presidente Powell del 21 settembre 2022

Buon pomeriggio. Io e i miei colleghi ci siamo fortemente impegnati a riportare l'inflazione al nostro obiettivo del 2%. Abbiamo sia gli strumenti che la determinazione necessaria per ripristinare la stabilità dei prezzi per conto delle famiglie e delle imprese americane. La stabilità dei prezzi è responsabilità della Federal Reserve e funge da fondamento della nostra economia.

Senza stabilità dei prezzi, l'economia non funziona per nessuno. In particolare, senza la stabilità dei prezzi non raggiungeremo un periodo prolungato di solide condizioni del mercato del lavoro a vantaggio di tutti.

Oggi, il FOMC ha alzato il tasso di interesse di riferimento di 3/4 di punto percentuale e prevediamo che gli aumenti continui saranno appropriati. Stiamo volutamente spostando la nostra posizione politica a un livello sufficientemente restrittivo da riportare l'inflazione al 2%. Inoltre, stiamo proseguendo il processo di significativa riduzione delle dimensioni del nostro bilancio. Avrò altro da dire sulle odierne azioni di politica monetaria dopo una breve rassegna degli sviluppi economici.

L'economia statunitense ha rallentato rispetto ai tassi di crescita storicamente elevati del 2021, che riflettevano la riapertura dell'economia a seguito della recessione pandemica. Indicatori recenti indicano una crescita modesta della spesa e della produzione. La crescita della spesa per consumi è rallentata rispetto al ritmo sostenuto dello scorso anno, in parte riflettendo il calo del reddito disponibile reale e le condizioni finanziarie più restrittive.

L'attività nel settore immobiliare si è notevolmente indebolita, in gran parte a causa dell'aumento dei tassi ipotecari. Anche i tassi di interesse più elevati e la crescita più lenta della produzione sembrano pesare sugli investimenti fissi delle imprese, mentre la più debole crescita economica all'estero sta frenando le esportazioni.

Come mostrato nel nostro Riassunto delle proiezioni economiche, da giugno i partecipanti al FOMC hanno segnato le loro proiezioni per l'attività economica, con la proiezione mediana della crescita del PIL reale che si attesta solo allo 0,2% quest'anno e all'1,2% l'anno prossimo, ben al di sotto della stima mediana del tasso di crescita normale a lungo termine.

La crescita del PIL è di appena lo 0,2% quest'anno e l'1,2% l'anno prossimo, ben al di sotto della stima mediana del tasso di crescita normale di lungo periodo.

Nonostante il rallentamento della crescita, il mercato del lavoro è rimasto estremamente teso, con il tasso di disoccupazione vicino al minimo da 50 anni, le offerte di lavoro vicine ai massimi storici e la crescita salariale elevata. I guadagni di posti di lavoro sono stati robusti, con l'occupazione in aumento di una media di 378.000 posti di lavoro al mese negli ultimi tre mesi. Il mercato del lavoro continua ad essere sbilanciato, con la domanda di lavoratori che supera sostanzialmente l'offerta di lavoratori disponibili. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro ha mostrato un gradito aumento ad agosto, ma è leggermente cambiato dall'inizio dell'anno. I partecipanti al FOMC si aspettano che le condizioni della domanda e dell'offerta nel mercato del lavoro tornino a un migliore equilibrio nel tempo, allentando la pressione al rialzo su salari e prezzi. La proiezione mediana del SEP per il tasso di disoccupazione sale al 4,4 per cento alla fine del prossimo anno, mezzo punto percentuale in più rispetto alle proiezioni di giugno. Nei prossimi tre anni, il tasso di disoccupazione mediano supera la stima mediana del suo livello normale di lungo periodo.

L'inflazione rimane ben al di sopra del nostro obiettivo di lungo periodo del 2%. Nei 12 mesi terminati a luglio, i prezzi totali del PCE sono aumentati del 6,3%; escludendo le categorie volatili di cibo ed energia, i prezzi core PCE sono aumentati del 4,6%. Ad agosto, la variazione su 12 mesi dell'indice dei prezzi al consumo è stata dell'8,3% e la variazione dell'IPC core è stata del 6,3%. Le pressioni sui prezzi restano evidenti in un'ampia gamma di beni e servizi. Sebbene i prezzi della benzina siano diminuiti negli ultimi mesi, rimangono ben al di sopra dei livelli dell'anno precedente, in parte riflettendo la guerra della Russia contro l'Ucraina, che ha aumentato i prezzi di energia e cibo e ha creato ulteriori pressioni al rialzo sull'inflazione. La proiezione mediana nel SEP per l'inflazione PCE totale è del 5,4% quest'anno e scende al 2,8% l'anno prossimo, al 2,3% nel 2024 e al 2% nel 2025; i partecipanti continuano a vedere i rischi per l'inflazione ponderati al rialzo.


Nonostante l'inflazione elevata, le aspettative di inflazione a più lungo termine sembrano rimanere ben ancorate, come si evince da un'ampia gamma di indagini presso famiglie, imprese e previsori, nonché dalle misure dei mercati finanziari. Ma questo non è motivo di compiacimento; più a lungo continua l'attuale ondata di alta inflazione, maggiore è la possibilità che le aspettative di una maggiore inflazione si rafforzino.

Le azioni di politica monetaria della Fed sono guidate dal nostro mandato di promuovere la massima occupazione e prezzi stabili per il popolo americano. I miei colleghi ed io siamo profondamente consapevoli che l'inflazione elevata impone notevoli difficoltà poiché erode il potere d'acquisto, soprattutto per coloro che sono meno in grado di far fronte ai costi più elevati di beni essenziali come cibo, alloggio e trasporti. Siamo molto attenti ai rischi che l'inflazione elevata comporta per entrambi i lati del nostro mandato e siamo fortemente impegnati a riportare l'inflazione al nostro obiettivo del 2%.

Nella riunione odierna il Comitato ha alzato di 75 punti base l'intervallo obiettivo per il tasso sui fondi federali, portando l'intervallo obiettivo dal 3 al 3,25%. E stiamo proseguendo il processo di riduzione significativa delle dimensioni del nostro bilancio, che svolge un ruolo importante nel consolidare l'orientamento della politica monetaria.

Nei prossimi mesi, cercheremo prove convincenti che l'inflazione stia scendendo, coerentemente con il ritorno dell'inflazione al 2%. Prevediamo che i continui aumenti nell'intervallo obiettivo per il tasso sui fondi federali saranno appropriati; il ritmo di tali aumenti continuerà a dipendere dai dati in arrivo e dall'evoluzione delle prospettive per l'economia. Con l'azione di oggi, quest'anno abbiamo aumentato i tassi di interesse di 3 punti percentuali. Ad un certo punto, con l'ulteriore inasprimento della politica monetaria, diverrà opportuno rallentare il ritmo degli aumenti, mentre valutiamo in che modo i nostri aggiustamenti cumulativi di politica influiscono sull'economia e sull'inflazione. Continueremo a prendere le nostre decisioni incontrandoci e comunicando il nostro pensiero il più chiaramente possibile.

Il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà probabilmente il mantenimento di una politica restrittiva per qualche tempo. Il record storico mette fortemente in guardia contro un allentamento prematuro della politica. Come mostrato nel SEP, la proiezione mediana per il livello appropriato del tasso sui fondi federali è del 4,4% alla fine di quest'anno, 1 punto percentuale in più rispetto alle proiezioni di giugno. La proiezione mediana sale al 4,6% alla fine del prossimo anno e scende al 2,9% entro la fine del 2025, ancora al di sopra della stima mediana del suo valore di lungo periodo. Naturalmente, queste proiezioni non rappresentano una decisione o un piano del Comitato e nessuno sa con certezza dove sarà l'economia tra un anno o più.

Stiamo adottando misure energiche e rapide per moderare la domanda in modo che si allinei meglio con l'offerta. Il nostro obiettivo principale è utilizzare i nostri strumenti per riportare l'inflazione al nostro obiettivo del 2% e per mantenere ben ancorate le aspettative di inflazione a lungo termine. È probabile che la riduzione dell'inflazione richieda un periodo prolungato di crescita al di sotto del trend e molto probabilmente ci sarà un ammorbidimento delle condizioni del mercato del lavoro. Il ripristino della stabilità dei prezzi è essenziale per preparare le basi per il raggiungimento della massima occupazione e prezzi stabili nel lungo periodo. Continueremo fino a quando non saremo sicuri che il lavoro è fatto.

Per concludere, comprendiamo che le nostre azioni riguardano comunità, famiglie e imprese in tutto il Paese. Tutto ciò che facciamo è al servizio della nostra missione pubblica. Noi della Fed faremo tutto il possibile per raggiungere i nostri obiettivi di massima occupazione e stabilità dei prezzi. Grazie e attendo le vostre domande.