Una folata di volatilità abbatte i tech

finestra mercati

La banca centrale della Corea del Sud anticipa le Fed ed alza i tassi. Meglio delle previsioni l’export della Cina. Generali: si dimette, sbattendo la porta, Francesco Gaetano Caltagirone, socio rilevante con l’8%. Atlantia: i Benetton comprano e salgono al 33%.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Ricomincia la caccia ai tech più grandi

I toni da falco dei membri della Federal Reserve intervenuti nel dibattito sull’inflazione ieri pomeriggio, hanno spaventato di nuovo le borse. Dopo un avvio in rialzo, il Nasdaq ha perso quota, chiudendo in ribasso del 2,5%. E’ ricominciata la caccia ai tech più grandi, presi di mira perché più sensibili all’andamento dei tassi di interesse, Tesla ha perso il 6,7% e Nvidia il 5,1%. Il Dow Jones ha chiuso in calo dello 0,4%. In forte aumento la volatilità: l’indice Vix è salito del 15% a 20,3, massimo delle ultime tre settimane.Stamattina i future delle borse dell’Europa sono in calo dello 0,5%.
Oggi pomeriggio, inizia negli Stati Uniti la stagione delle trimestrali. Pubblicano i dati tre grandi banche. Citigroup, JP Morgan e Wells Fargo. Ma anche il fronte macroeconomico è da tenere sotto controllo, escono i dati sui consumi e l’indice dell'Università del Michigan.

Inflazione&tassi

Nella sua audizione al Senato, Lael Brainard ha indicato un avvio del ciclo rialzista del costo del denaro in marzo, quando sarà terminato il programma di acquisto titoli. “Il comitato ha previsto diversi ritocchi all’insù nel corso dell'anno", ha detto la prossima vice presidente della Fed, in risposta a una domanda di un senatore. “Saremo in grado di farlo, penso, non appena gli acquisti di asset saranno terminati. E dovremo semplicemente adeguarci a quel che i dati nel corso dell’anno ci indicheranno”. Si sono allineati su questo timing anche Patrik Harker della Fed di Philadelphia e Thomas Barkin della Fed di Richmond. Charles Evans della Fed di Chicago è stato più vago, ma anche lui, come tutti gli altri, si è espresso a favore di tre-quattro, rialzi nel 2022.

La relativa calma sul mercato delle obbligazioni indica che a molti l’inflazione non fa paura. “Continuiamo a prevedere una regressione nel corso dell'anno, ci aspettiamo un allentamento delle strozzature nell'offerta, una stabilizzazione degli affitti ed un calo dei prezzi dell'energia. I contratti sul petrolio sono in backwardation e prevedono forti ribassi fino alla fine dell'anno. Prevediamo che anche i prezzi delle auto usate diminuiranno, un fattore importante nella pressione sui livelli di inflazione”, ha scritto ieri in una nota Tony Maddalena, direttore generale di Morgan Stanley Wealth Management.

Rialzo dei tassi nel mondo

La banca centrale della Corea del Sud ha portato i tassi di interesse a livelli precedenti lo scoppio della pandemia: +25 punti base a 1,25%. La decisione mostra che il governatore Lee Ju-yeol, in scadenza di mandato, si aspetta dalla variante Omicron un impatto limitato per quel che riguarda la crescita economica ed una ricaduta più rilevante sull’inflazione, ha scritto stanotte Cho Yong-gu, strategist sui bond di Shinyoung Securities. La Banca della Corea avverte che l’inflazione dovrebbe rimanere intorno al 3% “per un periodo di tempo considerevole”, un cambio di tono e di parole, rispetto al comunicato di novembre.

Borse dell'Asia in ribasso a fine seduta

Le borse dell’Asia Pacifico sono in ribasso nel finale di seduta, nella scia di Wall Street. Tokyo %. Hong Kong -0,9%. Shanghai -0,5% (-1,6% la settimana). Seul -1,5% (-1,1%). La borsa dell’India ha aperto in ribasso dello 0,4%. Bilancio settimanale molto positivo per Hong Kong (+3%), negativo per Shanghai (-1,5%).

Cina, pubblicato il dato sulla bilancia commerciale

E’ stato pubblicato stanotte il dato sulla bilancia commerciale. Le esportazioni sono salite in dicembre del 21%, in rallentamento dal +31% di novembre, ma meglio delle aspettative del consensus (+20%). Sotto le previsioni le importazioni, +19,5%. Zhiwei Zhang, capo economista di Pinpoint Asset Management, ha scritto che le esportazioni hanno nuovamente superato le aspettative a dicembre, a seguito dell’arrivo in Cina, di ordini che in precedenza andavano in altri paesi in via di sviluppo. L’economista segnala che, “la domanda globale resta forte, perché i paesi sviluppati non intendono limitare le attività economiche”, con politiche restrittive sugli spostamenti.

Tra i titoli di Piazza Affari segnaliamo

Generali. Si è dimesso il vice presidente vicario Francesco Gaetano Caltagirone. La nota della compagnia spiega così le ragioni. “Questa decisione è stata motivata dal consigliere dimissionario richiamando un quadro nel quale la sua persona sarebbe “palesemente osteggiata, impedita dal dare il proprio contributo critico e ad assicurare un controllo adeguato”. Caltagirone, direttamente o attraverso società a lui riconducibili, detiene una quota pari all’8,04%. Il Presidente Gabriele Galateri di Genola ha dichiarato: “Esprimo vivo rammarico e sorpresa per la decisione assunta dal cav. Caltagirone. Le motivazioni addotte non possono che essere categoricamente respinte”.

Atlantia. La famiglia Benetton, a capo della holding Edizione, ha aumentato al 33,1% dal 31% la sua quota: a comprare è stata la subholding Sintonia. Gli azionisti di Edizione hanno approvato la trasformazione in Spa e indicato come presidente Alessandro Benetton e come AD Enrico Laghi. Atlantia, Autogrill sono considerati asset strategici, ha detto Edizione in una nota al termine dell'assemblea. 

SanLorenzo presenterà il 3 febbraio i risultati consolidati preliminari del 2021 e la guidance per l'anno 2022, anticipando di avere un backlog estremamente positivo e in accelerazione nel quarto trimestre del 2021. 

Media For Europe. Secondo le stime Nielsen visionate da Reuters, la raccolta pubblicitaria del gruppo televisivo è cresciuta dello 0,8% a novembre, contro un calo del 3,2% registrato nel settore televisivo. In linea al mercato la crescita della raccolta del gruppo negli 11 mesi (+17,6%).

Iveco. Fitch Ratings ha assegna al gruppo il rating finale di lungo periodo ‘BBB’.

Leonardo ha firmato un contratto da 346 milioni di euro per la fornitura di elicotteri AW169M LUH (Light Utility Helicopter) destinati al Ministero della Difesa austriaco.

Uniero ha rivisto al rialzo le attese di ricavi per l'esercizio che termina a fine febbraio alla luce del robusto andamento del fatturato dei primi nove mesi.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy