UniCredit, divisione leasing nel mirino di fondi e banche

unicredit titolo

La banca ha ricevuto offerte per la divisione che gestisce circa 10 miliardi di attivi provenienti da due fondi di private equity e da due operatori.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Le mire dei fondi sul leasing Unicredit

Fondi e operatori a caccia del leasing di Unicredit. Indiscrezioni diffuse da MF, infatti, parlando di alcune offerte vincolanti fatte da due fondi di investimento e da due operatori strategici per la divisione della banca milanese arrivate lunedì 6 giugno.

I nomi citati dal media sono quelli dei private equity Baine e Crc, della banca francese Bpce (ex Natixis Lease) e di Hps Investment Partners, fondo di investimento americano che nel 2017 aveva acquisito l’operatore specializzato Ikb Leasing Group.

Le offerte pervenute non sarebbero sulla totalità della controllata che gestisce circa 10 miliardi di attivi performing in bilancio (di cui 7 di leasing real estate e 3 di leasing strumentale), ma riguarderebbe perimetri delimitati che potrebbero varare a seguito della due diligence.

A questo punto, il Ceo Andrea Orcel e i suoi collaboratori dovranno valutare le proposte, in particolare decidendo se procedere o meno in esclusiva con uno dei soggetti interessati.

L’analisi di WebSim

La cessione della porzione coinvolta nelle offerte, “sarebbe in linea con la volontà del Ceo Orcel di rifocalizzare la banca nel suo core business”, spiegano da WebSim.

Inoltre, aggiungono dalla sim, la banca milanese sta cercando anche “un player al quale affidare la gestione di 2 miliardi di crediti ‘unlikely to pay’ (UtP) per i quali Prelios sarebbe in pole position”.

Non cambia il giudizio di WebSim sul titolo Unicredit, mantenendo la raccomandazione ‘neutral’ con target price di 12,50 euro, mentre oggi le azioni della banca sono scambiate a 10,644 euro (-1%).

Confermati gli obiettivi

Nel frattempo, il Cfo di Unicredit, Stefano Porro, conferma i target del business plan alla luce del “buon slancio commerciale già visto nei primi tre mesi” dell’anno, visto continuare nel prossimo trimestre, i cui risultati verranno comunicati il prossimo 26 luglio insieme alla semestrale.

Per quanto riguarda la strategia della banca, Porro ribadisce per le operazioni di M&A la necessita di rafforzamento del business, una buona combinazione strategic, l’aumento della redditività e distribuzione del capitale.

Dichiarandosi soddisfatto dall’attuale mix distribuzione in termini di buyback delle azioni rispetto al dividendo cash, Porro spiega che Unicredit punta a completare l’acquisto di titoli propri da 1,6 miliardi entro fine luglio, alla luce anche dell’importanza dei dividendi cash evidenziata da alcuni azionisti dell’istituto.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento del 10% annuo con il certificate one star su Banco BPM, Mediobanca, UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMMediobanca Banca di Credito Finanziario S.p.AUniCredit S.p.A
Rendimento p.a.
10%
Cedole
2,5% - €25,00
Memoria
si
Barriera Capitale
60%
Barriera Cedole
60%
ISIN
CH1186546979
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: UCG.MI
Isin: IT0005239360
Rimani aggiornato su: UniCredit

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni