USA, ecco perché il futuro potrebbe essere vantaggioso per gli investitori


E’ vecchia e secondo alcuni in declino, ma dal 1945 il suo indice di borsa principale ha reso l’11% l’anno. E il futuro?

A cura di Antonio Tognoli, Responsabile Macro Analisi e Comunicazione presso Corporate Family Office SIM


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Settimana in cui verranno rilasciati dati importanti per i mercati (p.e l’inflazione della Germania e dell’Europa) e in cui verranno resi noti i risultati delle elezioni francesi, in grado di condizionare la futura politica europea (il secondo turno ci sarà il 7 luglio). Nel momento in cui scriviamo sembrerebbe che i francesi abbiano votato per uno spostamento a destra dell’asse politico. Quello che balza all’occhio è che sicuramente Macron non ha più la maggioranza dei francesi. Difficile dire che cosa possa succedere nel secondo turno. La sensazione è che Macron voglia provare a ripetere quello che fece a suo tempo Chirac, battendo le destre francesi. Ma Macron non è Chirac. Se i risultati fossero confermati, è possibile che i mercati Europei possano subire un attacco speculativo. Soprattutto anche perché la Germania ha già fatto sapere che, così come dicono le norme, difficilmente sarebbe d’accordo con l’uso del TPI.

Alle 21:00 di oggi parlerà il presidente della BCE, Lagarde, al forum di Sintra organizzato dalla BCE stessa. Seguiremo il discorso per capire se, come all’indomani dal meeting che ha visto la riduzione dei tassi, toccherà poi al capo economista Lane cercare di mediare le diverse posizioni.

Inflazione della Francia MoM di giugno è risultata in linea con le attese e pari al +0,1% (zero in maggio) e consente una flessione al 2,1% (dal 2,3%) in ragione d’anno. In crescita è invece risultata l’inflazione della Spagna MoM di giugno (+0,3% contro +0,2% atteso e di maggio), che consente comunque una decrescita al 3,4% (dal 3,6%) in ragione d’anno. In ulteriore calo anche l’inflazione di MoM di giugno dell’Italia (+0,1% contro +0,2% atteso e di maggio) che consente una discesa allo 0,8% di quella in ragione d’anno.

E’ considerata vecchia, spesso scorbutica e fuori dal suo periodo migliore. Secondo alcuni, è praticamente insolvente. Molti pensano che stia languendo in una recessione. E alcuni credono che stia per cedere alle discussioni politiche interne e alle crescenti sfide geopolitiche all'estero.

La festeggiata si avvicina ai 248 anni di età: è l'America, che a detta di molti, mostra alcuni segni di usura. Detto questo, gli investitori dovrebbero ricordare e riflettere sul detto che "il pessimismo vende, ma l'ottimismo paga". Vale tuttavia la pena di notare, in mezzo al vortice dei titoli giornalieri USA che avvertono di un armageddon politico ed economico e all'impulso concomitante di vendere, che l'S&P 500 ha generato un rendimento composto annuale di oltre l'11% dal 1945. Beh, l'ottimismo ha quindi pagato. Fin qui il passato. Ovviamente quello che ci interessa è il futuro, visto che il rendimento di un investimento azionario è la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita (più i dividendi).

Detto questo abbiamo individuato alcune ragioni per le quali riteniamo che il futuro possa essere vantaggio per gli investitori. Tra queste:

nessuna economia al mondo è grande, diversificata e ricca quanto l'economia statunitense. Pensate all’economia degli Stati Uniti come a una superpotenza con molte teste, che guida il mondo in attività così diverse come aerospaziale, agricoltura, finanza, energia, tecnologia, sanità, istruzione e numerose altre industrie. Con solo il 4,3% della popolazione mondiale, gli Stati Uniti rappresentano oltre il 26% del prodotto interno lordo (PIL) globale. In termini nominali, l'economia statunitense è di quasi 10 trilioni di dollari più grande di quella cinese. Mai così poche persone hanno prodotto così tanto, creando tanta ricchezza. Il reddito pro capite degli Stati Uniti (quasi $85.400) rimane anni luce avanti rispetto a quello della Cina ($13.100) e dell'India ($2.700);

nessuna grande potenza è benedetta dalla geografia quanto gli Stati Uniti, e in un'epoca di conflitti geopolitici, vincoli alle risorse e confini contestati, c'è un valore aggiunto nella geografia. L'America gode del lusso di essere circondata da vicini non minacciosi a nord e sud, e da mari a est e ovest. Nell'interno, le Grandi Pianure sono la più grande massa continua di terra arabile nel mondo. Facciamo un confronto con la Cina. Questa ha confini terrestri con 14 paesi, più di qualsiasi altra nazione al mondo. Molti di questi paesi sono stati ostili o non amichevoli in passato. Inoltre, la Cina è coinvolta in almeno una mezza dozzina di dispute sui confini marittimi con altre nazioni;

l'ecosistema imprenditoriale unico degli Stati Uniti, che incoraggia e permette il costante ciclo di distruzione creativa, è senza pari a livello globale. Il metabolismo economico dell'America è diverso dal resto del mondo. Nessun paese crea e distrugge in modo così frenetico come l'America. Solo dal 2000, più della metà (52%) delle aziende presenti nella lista Fortune 500 sono fallite, sono state acquisite o hanno cessato di esistere. Nel frattempo, mentre le vecchie aziende muoiono, ne nascono di nuove. Secondo l'Ufficio del Censimento, circa 5,5 milioni di nuove imprese sono state avviate negli Stati Uniti nel 2023, un record assoluto e una cifra ben al di sopra della media del decennio precedente;

gli Stati Uniti rimangono un magnete per il capitale straniero. Questo è dovuto a una miriade di attributi, tra cui un vasto e ricco mercato di consumatori, una grande forza lavoro qualificata, una trasparente norma di legge, mercati di capitali profondi e sofisticati, costi energetici relativamente bassi e tasse aziendali basse. All'ultimo conteggio, l'ammontare di capitale straniero investito negli Stati Uniti era di quasi 50 trilioni di dollari, secondo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Gli investimenti stranieri negli Stati Uniti sono aumentati di quasi cinque volte dall'inizio del secolo. Queste cifre includono beni materiali (investimenti diretti esteri in impianti, attrezzature, immobili, strutture di ricerca e sviluppo, ecc.) e flussi di portafoglio/capitale (acquisti esteri di titoli statunitensi come titoli del Tesoro, obbligazioni societarie, agenzie governative e azioni statunitensi). Nessun paese al mondo ha ricevuto così tanto capitale straniero in questo secolo;

le università meglio classificate al mondo sono negli Stati Uniti. Infatti, il 28% delle università nella classifica delle prime 100 università mondiali per il 2024 del Quacquarelli Symonds World Rankings si trova in America. Quattro delle prime dieci e dieci delle prime venti sono università americane. Data la qualità dell'istruzione superiore, gli Stati Uniti continuano ad attrarre i migliori e più brillanti da tutto il mondo, aggiungendo in ultima analisi al pool di capitale umano qualificato e produttivo dell'economia. A titolo di esempio, circa 290.000 studenti cinesi ora studiano negli Stati Uniti, e nientemeno che la figlia del leader cinese Xi Jinping è laureata ad Harvard;

gli Stati Uniti sono ancora classificati come una delle economie più competitive al mondo. Secondo l'IMD World Competitiveness Rankings del 2023, gli Stati Uniti si sono classificati al nono posto complessivo, dietro a economie più piccole come Svizzera, Svezia e Danimarca. Nel frattempo, gli Stati Uniti si sono classificati terzi nell'ultimo sondaggio sulla competitività globale del talento del World Economic Forum. Solo Svizzera e Singapore hanno ottenuto un punteggio più alto. La competitività conta, e gli Stati Uniti sono posizionati per rimanere tra le economie più competitive al mondo.

Sì, dopo 248 anni, l'America mostra alcuni acciacchi e dolori nel giorno del suo compleanno. La nazione è chiamata ad affrontare una serie di sfide sia interne che esterne. Ma, guardando a lungo termine, e considerando i molteplici punti di forza strutturali degli Stati Uniti, è chiaro che, mentre il pessimismo vende, l'ottimismo ha pagato e crediamo che continuerà a pagare.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile maxipremio del 15% e premi trimestrali dell'1,5% (6% annuo) con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMUniCredit S.p.AIntesa Sanpaolo
Maxicedola
15%
Importo Maxicedola
€150,00
Rendimento p.a.
6%
Cedole
1,5% - €15,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CH4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy