Wall Street attesa intorno la parità, si attendono le parole di Powell


La borsa di New York dovrebbe aprire senza una chiara direzione dopo la decisione della BCE e i dati sul lavoro diffusi oggi, mentre nel pomeriggio potrebbero arrivare indicazioni sulle scelte future della Federal Reserve quando parlerà Il Presidente Jerome Powell.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


WS non si muove

Future di Wall Street fermi in una giornata caratterizzata dalle decisioni della Banca centrale europea e dai dati sulla disoccupazione negli USA.

Il rialzo di 75 punti base da parte della BCE e il dato leggermente in calo (222 mila) delle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione al 3 settembre rispetto ai numeri precedenti (238 mila), ma inferiori alle previsioni (240 mila), non scuotono i mercati europei e non movimentano particolarmente i contratti americani prima dell’apertura della borsa di New York.

Inoltre, il numero totale di persone richiedenti l'indennità di disoccupazione nella settimana terminata il 27 agosto è stato pari a 1,473 milioni, superiore alle stime degli analisti e della settimana precedente (entrambi pari a 1,438 milioni).

I future sul Dow Jones e quello sul Dow Jones restano intorno la parità, mentre il Nasdaq cede appena lo 0,10% quando manca meno di un’ora dal suono della campanella.

Le previsioni sui tassi

Dopo la BCE, l’attenzione andrà tutta alla riunione della Federal Reserve prevista per il prossimo 21 settembre, e nell’attesa gli analisti di Goldman Sachs hanno rivisto al rialzo le proprie previsioni sul rialzo dei tassi di interesse per i prossimi mesi.

In particolare, la banca d’affari prevede ora un rialzo di 75 punti base nella riunione del 21 settembre e di 50 punti base a novembre, rispetto alle stime di rispettivamente 50 pb e 25 pb rispettivamente, con un’ulteriore stretta dello 0,25% nell'ultimo meeting dell'anno a dicembre.

“I funzionari Fed hanno parlato con toni da falco nei recenti interventi e hanno sottinteso che i progressi verso il contenimento dell'inflazione non sono stati così uniformi o rapidi come avrebbero voluto”, spiegano da Goldman Sachs in una nota ai clienti, hanno scritto gli analisti di Goldman in una nota ai clienti.

Per quanto riguarda il 2023, la Fed potrebbe ‘togliere il freno dall’acceleratore’: “il modo in cui il freno delle condizioni finanziarie più restrittive si compenserà con altri impulsi di crescita fondamentali nel 2023 è più incerto”, aggiungevano da GS immaginando però “che il ciclo di rialzo si estenda oltre l'anno in corso”.

Oggi, intanto, si attenderà il discorso di Jerome Powell (15:10 italiane), mentre alle 18:00 sarà il turno del presidente della Fed di Chicago, Charles Evans.

Economia stabile

Intanto, il Beige Book della Fed, il consueto bollettino economico mensile dell’istituto centrale, indica un’attività economica negli USA “sostanzialmente stabile” nel periodo terminato il 29 agosto, con una crescita tra il “modesto” e il “lieve” nei dodici distretti della Fed, mentre i consumi restano invariati.

Mentre sono attesi “tempi difficili”, l’outlook sulla crescita economica resta debole, con un’inflazione prevista ancora elevata nei prossimi mesi, seppur in miglioramento, mentre la domanda dovrebbe rallentare nei prossimi 6-12 mesi.

Cresce l’attività manifatturiera in diversi distretti, al pari delle attività legate al leisure e all’hospitality, favoriti dalla ripresa dei flussi turistici.

Soffrono ancora l’auto e l’immobiliare, con quest’ultimo frenato dalla prospettiva di continui rialzi dei tassi.

Infine, concludono dalla Fed, il mercato del lavoro è cresciuto ad un passo compreso tra il “modesto” e il “moderato”, anche se si confermano in crescita i salari e si registrano alcuni miglioramenti nella ricerca della manodopera.

Azionario e pre-market

Tesla (+0,20%): ha venduto 76.965 veicoli prodotti in Cina ad agosto, quasi il triplo rispetto a un mese fa, accelerando le consegne dopo aver aumentato la produzione nello stabilimento di Shanghai.

Apple (+0,30%): ha mantenuto stabili i prezzi del suo ultimo iPhone negli Stati Uniti, ma li ha aumentati in alcuni Paesi asiatici dove le valute sono scese rispetto al dollaro nell'ultimo anno.

Meta (-0,20%): il Guardian riferisce di una multa da 405 milioni di euro comminatagli per aver consentito a utenti dai 13 ai 17 anni di gestire account business su Instagram, in violazione alla normativa europea per la protezione dati (GDPR).

GameStop (+6%): vendite trimestrali sotto le attese ma è stata annunciata la collaborazione con la piattaforma di compravendita di criptovalute, FTX US, una delle più importanti degli Stati Uniti.

Raccomandazioni analisti

Apple

Shannon Cross - Credit Suisse: ‘buy’ confermato e prezzo obiettivo fermo a 201 dollari.

Tim Long – Barclays: conferma ‘neutral’ e target price invariato a 169 USD.

Alphabet

Ross Sandler – Barclays: ‘buy’ con prezzo obiettivo a 150 dollari.

GameStop

Wedbush: ‘sell’ con target price ridotto a 6 USD dai precedenti 7,50 dollari.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy