Wall Street poco mossa, la BCE usa le ‘maniere forti’


La Banca centrale europea ha alzato i tassi di 50 punti e oltre le indicazioni precedenti, fine all’era dei tassi negativi, mentre a Wall Street si tengono sempre d’occhio le trimestrali.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Tecnologici positivi

Wall Street incerta dopo la seduta positiva di ieri che aveva visto il Nasdaq guadagnare l’1,6%, performance migliore di quella del Dow Jones (+0,15%) e dello S&P500 (+0,59%).

I future di oggi recuperano quando manca circa meno di un’ora dall’apertura della borsa di New York e scambiano intorno la parità, con il Nasdaq che anche oggi risulta leggermente in vantaggio (+0,20%).

Proprio i tecnologici ieri si erano messi particolarmente in luce, con Netflix che confermava il buon andamento del pre-market (+7%) dopo la trimestrale, mentre ancora migliore risultava la chiusura di Coinbase (+14%).

La crescita di ieri potrebbe non essere un semplice rimbalzo secondo lo stratega di JP Morgan, Marko Kolanovic, non perché le cose si stanno mettendo al meglio, proprio al contrario: “le società stanno per avvertire che nella seconda parte dell’anno gli utili e la redditività scenderanno, discesa che il mercato ha già messo nei prezzi con il ribasso del primo semestre”.

Siccome le “borse tendono ad anticipare sia il punto più alto della traiettoria degli utili, sia il punto più basso, è possibile che la conferma del deterioramento sia accompagnata da una ripartenza dei listini”.

Mercati e dati macro

Oggi erano attesi i dati sulle richieste iniziali di disoccupazione, risultate pari a 251 mila e superiori rispetto alle previsioni di 240 mila, mentre l’indice Fed di Filadelfia è risultato peggiore del previsto (-12,3) a luglio.

Prosegue il calo le materie prime, visto l’accelerazione al ribasso del petrolio WTI (-4%), sceso sotto quota 96 dollari, con il Brent in scia a 102 dollari al barile, ‘accompagnati’ dalla discesa del gas (-3,60%) dopo la riapertura del gasdotto Nord Stream 1 che porta in Germania.

La BCE ed EUR/USD

Oggi la Banca centrale europea ha alzato di 50 punti base i tre tassi di interesse di riferimento, primo rialzo dopo 11 anni, ed ha approvato lo strumento di protezione del meccanismo di trasmissione della politica monetaria (Transmission Protection Instrument, TPI), i cui dettagli verranno diffusi in un comunicato pubblicato a partire dalle ore 15.45.

Pertanto, i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale saranno innalzati rispettivamente allo 0,50%, allo 0,75% e allo 0,00%, con effetto dal 27 luglio 2022.

La decisione del rialzo, risultato superiore rispetto a quanto indicato nei mesi scorsi, “si basa sulla valutazione aggiornata del Consiglio direttivo sui rischi di inflazione e sul maggiore sostegno fornito dal TPI a un’efficace trasmissione della politica monetaria”, si legge nel comunicato dell’istituto centrale.

Inoltre, prosegue il board, “nelle prossime riunioni del Consiglio direttivo sarà opportuna un’ulteriore normalizzazione dei tassi di interesse”, aprendo di fatto a nuovi rialzi.

Prima della decisione, l’euro scambiava a 1,02 nei confronti del dollaro, per poi schizzare fino a 1,027, con una crescita di circa l’1% in pochi minuti.

Azionario e pre-market

Tesla (+3%): ha registrato un calo degli utili trimestrali inferiore al previsto, favorito da una serie di aumenti dei prezzi delle sue auto, che Elon Musk ha poi dichiarato essere “imbarazzantemente alti” e che potrebbero danneggiare la domanda.

Carnival (-12%): titolo in forte calo dopo il lancio dell’aumento di capitale da 1 miliardo di dollari, effettuato per riassestare il debito

American Airlines (-3%): il secondo trimestre si conclude con utili per azioni rettificati pari a 0,76 dollari, in linea con le previsioni.


Raccomandazioni analisti

Tesla

Goldman Sachs resta positiva sul titolo e consiglia ‘buy’ e lascia il prezzo obiettivo riman fissato a 1.000 dollari.

La ricerca di BofA Securities ha confermato il giudizio ‘neutral’ sul titolo, mentre il target price viene rialzato a 905 USF rispetto ai precedenti 900.

Mizuho Securities è positivo sul titolo e consiglia ‘buy’, con rialzo del prezzo obiettivo da 1.150 a 1.175 USD.

Twitter

La ricerca di MoffettNathanson Research ha confermato il giudizio ‘neutral’ sul titolo, mentre il prezzo obbiettivo, in precedenza fissato a 54.20 USD, è stato abbassato a 36 dollari.

Snap

MoffettNathanson Research è positivo sul titolo e consiglia ‘buy’, ma riduce il target price da 23 a 19 USD.

Meta

MoffettNathanson Research è positivo sul titolo e consiglia ‘buy’: viene rivisto al ribasso il prezzo obiettivo che passa da 280 USD a 255 dollari.

Alphabet

MoffettNathanson Research anche in questo caso è positivo sul titolo e consiglia ‘buy’, con ribasso del target price a 127 USD rispetto ai precedenti 132,50 dollari.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento Annuo del 24,97% con il certificate su Nio e Tesla
Sottostanti:
Tesla IncNIO Limited
Rendimento p.a.
24,97%
Cedole
6,243% - €62,43
Memoria
si
Barriera Capitale
60%
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VV1A601
Maggiori Informazioni

Possibile rendimento annuo del 16,95% con il certificate su Meta e PayPal
Sottostanti:
Meta Platforms Inc.PayPal Holdings Inc
Rendimento p.a.
16,95%
Cedole
4,239% - €42,39
Memoria
si
Barriera Capitale
65%
Barriera Cedole
100%
ISIN
DE000VX6UY78
Maggiori Informazioni

Possibile rendimento dell'11,77% annuo con il certificate su Alphabet, Meta Platforms e Microsoft
Sottostanti:
Microsoft CorporationMeta Platforms Inc.Alphabet Inc
Rendimento p.a.
11,77%
Cedole
2,944% - €29,44
Memoria
si
Barriera Capitale
70%
Barriera Cedole
70%
ISIN
DE000VV34TC2
Maggiori Informazioni