American Express, +10% sulla scia della forte guidance. Alziamo il prezzo obiettivo


Il colosso finanziario americano ha sorpreso positivamente con un outlook migliore delle attese per il 2023. In virtù della forte guidance aumentiamo il nostro prezzo obiettivo sul titolo.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


American Express ha riportato venerdì 27 gennaio a mercato ancora chiuso i risultati del quarto trimestre, con l'azione che ha chiuso la sessione a Wall Street con un guadagno del 10% a $172.

Il quarto trimestre 2022 si è concluso con ricavi in crescita del 17% a $14,2 miliardi, $50 milioni sotto consensus, gli utili per azione si sono attestati a $2,07 (in calo del 7%), $0,16 sotto consensus. 

Le ragioni dietro agli utili sotto consensus sono da ricercare nei maggiori costi della rete dovuti a volumi di transazione più alti, dato che i clienti nel complesso hanno utilizzato più benefici relativi ai viaggi.

Il gruppo delle carte di credito ha pubblicato una guidance per il 2023 molto forte con ricavi attesi in rialzo tra il 15 e 17%, ossia tra $60,7 e 61,8 miliardi rispetto al consensus di $58,7 miliardi. AmEx prevede un utile per azione compreso tra 11 e 11,40 dollari contro i 10,45 dollari del consensus. Il dividendo trimestrale viene aumentato del 15% a $0,60 dai $0,52 precedenti.

L'ad Stephen Squeri si è soffermato sulla sostenuta crescita dei clienti (il 2022 ha visto il record di 12 milioni di nuove carte), combinata con alti livelli di spesa e di fedeltà, che hanno permesso di costruire una maggiore scala (e quindi economie di scala) con un forte "momentum" in tutti i business della società. "Non stiamo vedendo segnali di recessione" ha aggiunto Squeri, secondo cui "le metriche delle carte di credito sono rimaste forti per tutto l'anno e sotto (meglio) dei livelli pre-pandemia".

Investire oggi in nuove opportunità

I risultati del primo trimestre 2022 erano stati accompagnati da alcuni commenti non positivi legati all'aumento dei costi e degli investimenti. Anche la prima reazione del titolo era stata negativa. Squeri aveva chiaramente affermato di vedere un buon ventaglio di opportunità e quindi stavano investendo adeguatamente con gli associati costi. “Questo si tradurrà in migliori prospettive per il 2023/2024", aveva affermato Squeri, e così è stato.

“Quello di American Express è un esempio di strategia aziendale che ci piace molto: investire oggi in nuove opportunità e nell’innovazione per essere meglio posizionati nel futuro”, scrivevamo a commento delle precedenti trimestrali.

I risultati e la guidance del secondo trimestre sono stati buoni e sopra consensus: proprio come avevamo ipotizzato, sono stati seguiti da una revisione al rialzo delle stime degli analisti di ricavi e utili, ossia un "buon earning momentum”.

Valutazione e prezzo obiettivo

Accesso come utente registrato

La lettura di questo paragrafo è consentita solo agli utenti registrati

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Inserisci il tuo indirizzo email e controlla la tua casella di posta!
Riceverai un'email con un codice di accesso.


Idea di investimento
Possibile premio del 15,60% annuo con il certificate su Microsoft, Nvidia e UiPath
Sottostanti:
NVIDIA CorporationMicrosoft CorporationUipath Inc
Rendimento p.a.
15,6%
Cedole
1,3% - €1,30
Memoria
no
Barriera Cedole
50%
ISIN
XS2677112240
Emittente
BNP Paribas
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni


Analisi fondamentale

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: AXP.US
Isin: US0258161092
Rimani aggiornato su: American Express

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni