Investire in Certificate Cash Collect: Cosa sono, Cedole e Rischi

investire in certificati

I certificate Cash Collect distribuiscono premi periodici al verificarsi di determinate condizioni. Vediamo insieme le principali opzioni e i rischi con l'aiuto di esempi.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Cosa sono i certificate cash collect

I certificate Cash Collect sono una tipologia di certificati di investimento a capitale condizionatamente protetto (ovvero il capitale è protetto fino al verificarsi di determinate condizioni sul prezzo del sottostante). Sono rivolti a quegli investitori che intendono assicurarsi un flusso cedolare periodico durante la vita del prodotto.

Come tutti i certificate, i Cash Collect sono strumenti finanziari derivati il cui prezzo di mercato è legato al valore del sottostante (un indice azionario, un’azione, una valuta o una materia prima).

In cosa si distinguono allora i certificate Cash Collect?

Distribuzione di cedole periodiche

La particolarità di questa tipologia di certificate è quella di distribuire premi periodici (annuali, semestrali, trimestrali o mensili) se nelle date intermedie prestabilite (Date di Osservazione) si verificano determinate condizioni. Generalmente, la condizione per cui si verifica la distribuzione del premio è che il sottostante si trovi alla data di valutazione a un livello superiore alla barriera stabilita per l’ottenimento del bonus. Se quindi l’attività sottostante ha perso terreno, ma la quotazione si trova al di sopra della barriera stabilita per il bonus, l’investitore otterrà comunque il premio periodico.

In caso contrario (ovvero se il prezzo del sottostante sia al di sotto del livello barriera alla data di osservazione), l’investitore non avrà diritto a ricevere alcuna cedola per tale data di osservazione.

Alcuni certificate Cash Collect corrispondono inoltre cedole incondizionate (ovvero indipendenti dall’andamento dell’attività sottostante), se previsto nel contratto iniziale.

L’effetto memoria

Alcuni certificate cash collect sono provvisti di effetto memoria.

Se a una data di valutazione il sottostante si trova sotto la barriera dei premi, la cedola non sarà distribuita. Ma non tutto è perduto! Grazie all'effetto memoria, se il sottostante tornasse al di sopra della barriera alla data di osservazione successiva, la cedola il cui pagamento non era stato corrisposto in precedenza verrà recuperata.

Il rimborso anticipato

Alcuni certificate cash collect prevedono il rimborso anticipato (conosciuto come autocallable). Con il rimborso anticipato l’investitore potrà ricevere il valore nominale prima della scadenza se il sottostante, a una data di valutazione, quota a un valore superiore alla barriera per il rimborso anticipato (solitamente coincidente con il valore iniziale).

Al contrario, se il sottostante quota al di sotto della barriera per il rimborso anticipato, il cash collect autocallable continua la sua esistenza fino alla data di valutazione successiva.

Il rimborso a scadenza

Alla scadenza, il certificate cash collect potrà essere rimborsato come segue:

  • scenario positivo: se alla data di valutazione finale il valore del sottostante è superiore al livello barriera, il Certificate rimborsa l’importo nominale e i premi non distribuiti precedentemente.
  • scenario negativo: se alla data di valutazione finale il valore del sottostante è minore del livello barriera, l’investitore perde la protezione sul capitale investito e riceve un importo di rimborso direttamente legato alla performance del sottostante. In caso di più sottostanti, viene considerato il sottostante con andamento peggiore.

I rischi del certificate Cash Collect

  • Perdite superiori alla barriera sul capitale: Il rischio più reale legato all’investimento in certificate si verifica nel caso in cui il certificate, a scadenza, avrà perso un importo superiore alla barriera sul capitale. In questo caso per l’investitore sarebbe come aver puntato sul titolo peggiore senza percepire lo stacco dei dividendi.
  • Insolvenza dell'emittente: Tutti i certificate sono esposti al rischio credito dell’emittente. Per questa ragione va sempre tenuto conto il giudizio da parte delle agenzie di rating (le principali sono Standard & Poor’s, Moodys, Fitch).
  • Azzeramento dei titoli sottostanti: In caso di azzeramento dei titoli sottostanti, varrebbe zero anche il certificate.

Attenzione quindi a non confondere capitale protetto e capitale garantito! Il capitale può essere protetto dalla barriera sul capitale, ma non è mai garantito. Come in qualsiasi altra tipologia di certificate, il capitale dell'investitore è sempre esposto a questi rischi. Anche nel caso dei certificate a capitale interamente protetto è sbagliato parlare di capitale garantito.

Esempio di Certificate Cash Collect

Prendiamo per ipotesi un certificate cash collect che abbia come sottostanti Alphabet, Apple e Facebook, con valore nominale di 1.000 euro e barriera al 70%. L’investitore riceverà premi trimestrali del 2,58% (quindi 10,34% annuo) se alle date di valutazione nessuno tra i tre sottostanti perderà più del 30% dal livello iniziale. Le cedole hanno un Effetto memoria per recuperare eventuali premi trimestrali non staccati.

Inoltre, il certificate cash collect gode del rimborso anticipato a €1.000,00, se alla data di valutazione (con rinnovo trimestrale) Alphabet, Apple e Facebook quoteranno a un livello pari o superiore a quello iniziale.

Cosa succede invece a scadenza? Se il certificate cash collect non fosse stato ritirato anticipatamente, a scadenza occorrerà guardare al valore dei tre sottostanti.

  • Nello scenario positivo, ovvero se Alphabet, Apple e Facebook si trovano al di sopra del 70% del valore iniziale, l’investitore riceverà il valore nominale di 1.000 euro, più tutti gli eventuali premi trimestrali non incassati precedentemente.
  • Nello scenario negativo, ovvero se anche solo uno tra i tre sottostanti avesse perso un importo superiore al 30% (e quindi fosse sotto la barriera), l’investitore riceverà un valore decurtato della perdita del sottostante.

I termini chiave per investire in certificate

Un investitore che sta valutando su quale Certificate Cash Collect investire, prima di procedere all’acquisto dovrà necessariamente familiarizzare con alcuni termini:

  • ISIN: il codice alfanumerico che identifica in modo univoco un’attività finanziaria;
  • Mercato di quotazione: il mercato dove lo strumento finanziario è quotato. I Cash Collect Certificate sono negoziati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana o su CERT-X di EuroTLX.
  • Scadenza: il giorno in cui l’emittente esegue la rilevazione finale del valore del sottostante e liquida gli investitori che detengono il certificate;
  • Ultimo giorno di negoziazione: l’ultimo giorno in cui il Certificate è negoziabile liberamente sul mercato;
  • Sottostante: l’attività finanziaria che determina il prezzo, e dunque la performance, del Certificate;
  • Livello Strike: il prezzo d’esercizio del certificate con cui deve essere confrontato il valore corrente del sottostante per determinare il valore del Certificate;
  • Livello Barriera: livello o prezzo del sottostante raggiunto il quale il certificate non garantisce più la protezione del capitale investito;
  • Emittente: l’istituzione finanziaria che emette il Certificate;
  • Indicatore sintetico di rischio: il rischio, in scala da 1 a 7 (dove 1 è il rischio più basso e 7 il rischio più alto) di un prodotto rispetto ad altri. Questo indicatore illustra la probabilità che il prodotto subisca perdite di capitale a causa di movimenti sul mercato o a causa dell’incapacità dell’Emittente di corrispondere gli importi dovuti.

Prima di ogni investimento occorre sempre leggere la documentazione relativa allo strumento finanziario scelto. Nel caso dei certificate, l’emittente metterà a disposizione degli investitori le condizioni definitive (Final Terms) e il documento contenente le informazioni chiave (KID).


Certificate
Isin: DE000VQ4ATE8
Possibile rendimento annuo del 10,34% con il certificate Cash Collect su Alphabet, Apple e Facebook

Sottostanti:
Facebook, IncApple IncAlphabet Inc
Rendimento annuo:
10,34%
Cedole:
2,585% - €25,85
ISIN:
DE000VQ4ATE8
Memoria:
si
Emissione:
4 febbraio 2021
Scadenza:
2 febbraio 2023
Barriera su Cedole:
70%
Barriera sul capitale:
70%
Ritiro Anticipato:
100%
Emittente:
Vontobel Financial Products GmbH
Maggiori Informazioni



La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy