Glencore: valutazione attraente e possibile scorporo del carbone


L’ambiziosa visione strategica del Ceo Gary Nagle, vede lo scorporo del business del carbone e una nuova quotazione in borsa.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Lunedì 10 luglio, sul Financial Times circolava un articolo sulla società inglese Glencore, che prospettava la possibilità di una scissione del business legato al carbone.

Sembra che sia in atto un cambiamento strategico della società e il primo segnale arriverebbe proprio dall’offerta fatta a marzo, di 23 miliardi di dollari in contanti, per acquistare il business del carbone metallurgico della società canadese Teck Resources.

L’obiettivo è fare una fusione con il proprio business del carbone termico e lanciare una nuova Ipo (Initial public offering) sulla borsa americana di New York. Secondo indiscrezioni, l’offerta non è stata ancora accettata, ma sembrerebbe che le due società siano ancora in fase interlocutoria.

Nonostante gli ottimi risultati finanziari del 2022, l’azione è stata penalizzata dalle preoccupazioni legate all’impatto delle attività del carbone sui parametri esg (environmental, social and governance) della società. Tuttavia, il Ceo non sembra essere intimorito da queste considerazioni di natura “green”, anzi sembra proprio che la sua volontà sia quella di diventare leader assoluto del carbone.

La diversificazione del business

Con l’operazione “Bunge” finalizzata a giugno, Glencore ha una grossa esposizione al mercato globale agroalimentare, un ottimo business soprattutto in un orizzonte temporale di medio termine che contribuisce ad aumentare ulteriormente la diversificazione della società.

Glencore, è attualmente il quarto produttore mondiale di rame, ha una forte presenza nel mercato globale del cobalto (con una quota di circa il 25%) e seppur in misura minore ha anche un ottimo posizionamento nel nickel.

Sono in corso trattative strategiche con la multinazionale francese Eramet, per finanziarie l’impianto di lavorazione del litio a Centenario-Ratones, in Argentina. Se l’operazione si concludesse con successo, Glencore riceverebbe in cambio grosse forniture di litio. Grazie a questo deal, la società mineraria diventerebbe l'unica al mondo ad avere una significativa esposizione a tutti i materiali chiave per la transizione energetica verde.

Rimane inalterato il forte posizionamento nel commercio di materie prime, un business per sua natura meno volatile e correlato ai prezzi rispetto al business tradizionale delle miniere.

Glencore si colloca fra i primi quattro operatori al mondo, in un business che ha un alto livello di barriere all' entrata.

Valutazione e prezzo obiettivo

Accesso come utente registrato

La lettura di questo paragrafo è consentita solo agli utenti registrati

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Inserisci il tuo indirizzo email e controlla la tua casella di posta!
Riceverai un'email con un codice di accesso.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile maxipremio del 15% e premi trimestrali dell'1,5% (6% annuo) con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMUniCredit S.p.AIntesa Sanpaolo
Maxicedola
15%
Importo Maxicedola
€150,00
Rendimento p.a.
6%
Cedole
1,5% - €15,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD39CH4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni


Analisi fondamentale

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: GLEN.LSE
Isin: JE00B4T3BW64
Rimani aggiornato su: Glencore

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni