Inflazione Usa di aprile leggermente più bassa di marzo ma oltre le attese


L’inflazione annuale degli Stati Uniti è accelerata oltre le previsioni ad aprile.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Prezzi salgono dell'8,3% in aprile

Secondo i dati del Bureau of Labor Statistics, l'inflazione totale è passata dall’8,5% di marzo al +8,3% di aprile su base annua, superando le aspettative che la vedevano all’8,1%. Un rialzo su base mensile del +0,3% (il consensus si aspettava +0,2%), che si confronta con il +1,2% di marzo.

A livello di Core Inflation, che esclude le componenti più volatili come cibo ed energia, sale del 6,2% su base annua (mentre le aspettative erano di +6%) dal +6,5% di marzo; l’inflazione mensile ha segnato un +0,6% (stime a +0,4% e +0,3% a marzo).

Resta alta l’inflazione sul cibo a +0,9% su base mensile, ma anche veicoli nuovi e prezzi biglietti aerei sono fra le componenti che hanno visto i maggiori rialzi dei prezzi.

Il prezzo della benzina è sceso del 6,1% su base mensile facendo scendere l'intero indice relativo all'energia, nonostante gli aumenti dei prezzi del gas naturale e dell'elettricità.

Nella parte core, le componenti con più inflazione sono stati i costi medici, i prezzi delle attività ricreative e l'arredamento per abitazioni. I prezzi dell'abbigliamento, dei servizi di comunicazione e auto usate sono scesi rispetto a marzo.

In un report separato di Adobe risulta che i prezzi degli acquisti online sono cresciuti del 2,9% anno su anno, ossia meno dei mesi precedenti.

La prima reazione dei mercati è stata abbastanza drastica: futures da circa +0,5/ 1% a circa -0,5/1%, mentre i tassi erano un po' in discesa e sono tornati a salire.

Il dato probabilmente “più allarmante” è quel +0,6% mese su mese della parte di inflazione "core", maggiormente monitorata dalla Fed per le sue decisioni.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy