Intesa Sanpaolo ancora “leader nel settore” secondo DBRS. Goldman Sachs oltre il 6%


Nel loro report sulla banca guidata da Carlo Messina gli analisti di Morningstar DBRS hanno confermato i rating creditizi dell’istituto alla luce della diversificazione del suo business e del solido profilo reddituale.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Morningstar DBRS conferma i rating su Intesa Sanpaolo

Report degli analisti di Morningstar DBRS su Intesa Sanpaolo, con l’agenzia di rating canadese che ha confermato la fiducia sulla banca guidata da Carlo Messina, oggi in calo (-1,50%) a Piazza Affari dopo pochi minuti dall’avvio delle contrattazioni a 3,50 euro per azione.

In particolare, DBRS ha confermato i rating creditizi dell’istituto torinese, inclusi il Long-Term Issuer Rating a ‘BBB (high)’ e il Short-Term Issuer Rating a ‘R-1 (low)’. Il trend su tutti i rating è ‘stabile’.
Alla base di queste conferme dell’agenzia c’è la considerazione che la banca resta “leader nel settore bancario commerciale e retail in Italia, supportata dal suo modello di business diversificato e dal solido profilo reddituale.

Inoltre, Morningstar DBRS considera il solido profilo di finanziamento della banca, la sua solida posizione patrimoniale e redditività, derivanti da una combinazione di solida efficienza operativa, costo del rischio contenuto e forte aumento dei ricavi in un contesto di tassi di interesse più elevati che hanno incrementato il margine di interesse netto (NII) nel 2023 e primo trimestre 2024.

Pronta ai tagli dei tassi

L’agenzia ritiene che, anche se prevede la normalizzazione del NII poiché si ci attendono tassi di interesse più bassi, i ricavi dovrebbero comunque essere sostenuti, in quanto le sue previsioni comprendono ancora benefici dalle commissioni sulla scia dei suoi alti grado di diversificazione del business.

Secondo Morningstar DBRS, questo fornisce alla banca la flessibilità necessaria per assorbire un potenziale deterioramento del costo del rischio che potrebbe materializzarsi nel contesto attuale, con inflazione e tassi di interesse più elevati che potrebbero avere un impatto sui mutuatari.

L’impatto della Russia

I rating di credito di Morningstar incorporano anche il significativo miglioramento che Intesa ha ottenuto con il suo profilo di rischio negli ultimi anni, nonostante l'esposizione della banca alla Russia, scesa a un livello nel primo trimestre del 2024 da cui un potenziale ulteriore impatto diretto sarebbe trascurabile. I parametri relativi alla qualità degli asset sono ora in linea con quelli europei, che secondo l’agenzia dovrebbero fornire spazio per assorbire il potenziale deterioramento della qualità degli asset.

La quota di Goldman Sachs

Intanto, dalle comunicazioni diffuse della Consob in data 23 maggio 2024 emerge come The Goldman Sachs Group detenga una partecipazione aggregata nel capitale di Intesa Sanpaolo pari al 6,84%, posseduta attraverso Goldman Sachs International e altre 8 società controllate.

In particolare, l’1,69% è relativo a diritti di voto riferibili ad azioni dell'istituto guidato da Carlo Messina, mentre lo 0,03% fa riferimento a una partecipazione potenziale (azioni oggetto di contratti di prestito titoli senza data di scadenza e con possibilità di restituzione in qualsiasi momento a discrezione del prestatore).

A questo si aggiungono il 2,27% legato ad altre posizioni lunghe con regolamento fisico (contratti di opzione put, call, future con scadenze comprese tra il 17 maggio 2024, e il 18 dicembre 2026) e il 2,86% relativo ad altre posizioni lunghe con regolamento in contanti, di cui l'1,51% fa riferimento a un contratto future con date di scadenza tra il 20 gennaio 2024 e il 19 dicembre 2031 e l'1,35% ad altri contratti di opzione call, put, swap, forward e call warrant con scadenza tra il 16 maggio 2024 e il 31 marzo 2035.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMUnicreditIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: ISP.MI
Isin: IT0000072618
Rimani aggiornato su: Intesa SanPaolo

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni