Intesa Sanpaolo, avanti tutta con il de-risking


La realizzazione del piano industriale al 2025 della banca non si ferma e sono state vendute già oltre 9 miliardi di posizioni legate a crediti deteriorati.


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


La cessione di crediti

Prosegue a pieno ritmo la realizzazione del piano industriale al 2025 di Intesa Sanpaolo, in particolare per quanto riguarda la parte relativa alla cessione di crediti deteriorati, nonostante un contesto di aumento delle aspettative di rendimento da parte degli investitori e la conseguente discesa dei prezzi medi degli stock.

Da MF indicato un valore nominale di 9,3 miliardi di posizioni vendute nel corso periodo del piano, portando così a oltre 58 miliardi l’importo complessivo di dismissioni dal 2015 a oggi.

Nel dettaglio, l’istituto guidato da Carlo Messina ha realizzato una cartolarizzazione garantita (Gacs) da quattro miliardi, a cui si è aggiunta la cessione degli Npl residui rimasti alla controllata Provis e la dismissione di 1,7 miliardi di posizioni di leasing in sofferenza.

La view di WebSim

Il processo di de-risking dovrebbe continuare nei prossimi mesi, focalizzandosi su ulteriori cessioni di crediti deteriorati.

Già nel secondo trimestre 2022 la banca torinese “aveva diminuito il proprio stock di crediti deteriorati di 4,1 miliardi, ovvero 4,9 miliardi considerando la cessione di 0.8 miliardi già finanziata rispetto al dato di fine 2021”, ricordano da WebSim.

Inoltre, “il Gross NPE ratio era pari al 2,3% o 2,2% a livello PF (tali valori escludono 4,1 miliardi di crediti deteriorati contabilizzati nelle attività in via di dismissione)”, aggiungono dalla sim.

La cessione di un ulteriore 1 miliardi dovrebbe consentire alla banca di “ridurre il proprio Gross NPE ratio in area 2%”, corrispondente a “1,5%/1,6% secondo la definizione EBA”, calcolano questi esperti.

Se “la società ha come target di gross NPE ratio al 2025 pari al 1,6%”, ricordano dalla sim, “nel primo semestre 2022 la società ha registrato un costo del rischio di 61 bps che tiene conto di accantonamenti straordinari legati a Russia/Ucraina (27 bps il costo del rischio normalizzato).

Previsioni e tp

Per quanto riguarda l’intero anno, “abbiamo una stima di costo del rischio di 78 bps in quanto riteniamo che la società continuerà l’attività di de-risking, incrementerà le coperture sulla Russia e cercherà di anticipare il peggioramento dell’asset quality atteso per il 2023”, concludono da WebSim, mantenendo la raccomandazione ‘interessante’ sul titolo Intesa Sanpaolo, con target price di 2,30 euro rispetto ai 1,84 euro (+0,20%) odierni.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Idea di investimento
Possibile rendimento Annuo del 15,20% con il certificate su BPER, Intesa e Unicredit
Sottostanti:
BPER Banca SpAIntesa SanpaoloUniCredit S.p.A
Rendimento p.a.
15,208%
Cedole
3,802% - €38,02
Memoria
si
Barriera Capitale
70%
Barriera Cedole
70%
ISIN
DE000VV1A6L9
Maggiori Informazioni

Capitale protetto su Enel e Intesa Sanpaolo
Sottostanti:
Intesa SanpaoloEnel SpA
Memoria
no
Barriera Capitale
%
ISIN
IT0006751876
Maggiori Informazioni


I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: ISP.MI
Isin: IT0000072618
Rimani aggiornato su: Intesa SanPaolo

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni