Stellantis ha il multiplo P/E più basso di tutta l’industria automotive


I risultati del primo trimestre segnano una crescita dei ricavi del 14%, superiore alle attese del mercato. Ribadita la guidance per un margine operativo a due cifre, dopo il record del 13% nel 2022. Avviato il buyback da 1,5 miliardi di euro.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Veicoli venduti + 7%. Prezzi + 5%

Ricavi migliori del previsto e conferma delle indicazioni per l’intero 2023. Stellantis ha annunciato mercoledì 3 maggio i risultati del primo trimestre 2023, chiuso con ricavi netti pari a 47,2 miliardi di euro, in crescita del 14% rispetto allo stesso periodo del 2022 e superiori alla media delle previsioni degli analisti che Reuters indica in 45,5 miliardi. La crescita è il frutto di un incremento del numero di veicoli venduti e di un aumento medio dei prezzi del 5%, secondo quanto si legge sul sito Websim.

Il numero di auto vendute è salito del 7%  rispetto al primo trimestre del 2022, raggiungendo 1,48 milioni, grazie al "miglioramento dell'evasione degli ordini di semiconduttori", si legge in un comunicato della società. Come tutti gli altri produttori automotive, nel 2022 Stellantis ha sofferto la carenza di chip che l’ha obbligata a rallentare produzione e vendite, accumulando un quantitativo di ordini inevasi.

Domani il dividendo. Via alla prima tranche del buyback

"La nostra impronta globale e il nostro portafoglio di prodotti diversificati ci consentono di essere ben posizionati per continuare a garantire una forte performance finanziaria nel corso dell'anno", ha dichiarato il direttore finanziario Richard Palmer.

Stellantis ha annunciato di avere avviato un'operazione di riacquisto di azioni proprie da 1,5 miliardi di euro, la cui prima tranche da 500 milioni di euro dovrebbe essere completata a giugno, e ha confermato che giovedì 5 maggio sarà pagato agli azionisti un dividendo ordinario di 1,34 euro per azione.

Lo stock di veicoli nuovi in attesa di essere consegnati si è attestato a fine marzo a 1,3 milioni unità, un dato che, secondo la società, riflette un ritorno a "livelli più normali dopo un periodo pluriennale di offerta materialmente limitata, dovuta principalmente a ordini di semiconduttori non evasi". Websim, il sito di Intermonte, fa notare che al 31 dicembre scorso le giacenze ammontavano a 1,07 milioni di veicoli e alla fine del primo trimestre 2022 erano pari a 800mila veicoli.

Vendite di EV +22%

Per quanto riguarda la vendita di veicoli elettrici a batteria (BEV), le consegne sono aumentate del 22% rispetto al primo trimestre del 2022 e Stellantis ha pianificato il lancio di nove nuovi BEV quest'anno nel tentativo di creare un portafoglio di 47 veicoli entro la fine del 2024.

Previsto nel 2023 Ebit margin sopra il 10%

Forte dei buoni dati del primo trimestre, Stellantis ha confermato la sua guidance per l'intero anno 2023 che prevede di chiudere l’esercizio con un margine operativo “a due cifre” (superiore al 10%). Nel 2022, anno di risultati record per Stellantis, il margine operativo era arrivato al 13%, il più alto nell’industria automobilistica dopo Tesla (16,7%).

Per l’intero 2023 il consensus degli analisti stima che i ricavi di Stellantis saliranno  a 184,1 miliardi di euro (+2,5%) con un utile operativo (Ebit) di 19,9 miliardi, in calo del 14,4%. A quel punto il margine operativo (Ebit margin) sarà al 10,8%. L’utile netto è previsto in calo di 2 miliardi a 14,8 miliardi di euro (-11,9%).

Stellantis ha il multiplo P/E più basso di tutta l’industria automotive

In una giornata positiva per la Borsa di Milano (FtseMib +0,7%), i dati di Stellantis sono stati accolti negativamente dal mercato con il titolo che scende dell’1,8% a 14,46 euro. Eppure al prezzo di oggi Stellantis capitalizza 46,5 miliardi di euro, vale a dire soltanto 3,1 volte l’utile previsto per il 2023. E’ il multiplo più basso fra tutti i grandi produttori di auto globali: Volkswagen vale 4 volte gli utili 2023, Renault 3,9 volte, le americane GM e Ford viaggiano su P/E  rispettivamente di 5,7 volte e 7 volte.

Gli analisti non hanno dubbi che il titolo sia da comprare: su 23 broker che coprono il titolo 19 consigliano l’acquisto e la media dei target price è 21,6 euro, ovvero il 46% in più dell’attuale prezzo di Borsa.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 12% annuo con il certificate su Enel, Stellantis e UniCredit
Sottostanti:
Enel SpAStellantis N.V.UniCredit S.p.A
Rendimento p.a.
12%
Cedole
1% - €10,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
CH1248689510
Emittente
Leonteq
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: STLA.MI
Isin: NL00150001Q9
Rimani aggiornato su: Stellantis

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni