Wall Street senza direzione prima dell’apertura. Oggi split per Nvidia


Poche certezze prima dell’avvio delle contrattazioni alla borsa statunitense in attesa degli eventi di questa settimana, mentre i risultati delle elezioni europee continuano ad indebolire l’euro.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


La settimana a Wall Street

Future sui principali indici di Wall Street in leggero ribasso in questa mattinata caratterizzata dai risultati delle elezioni europee e in attesa degli appuntamenti previsti dal calendario economico nel resto della settimana. Tra gli altri market mover ci sono il frazionamento azionario di Nvidia e il calo dell’euro.

La giornata di mercoledì prevede alcuni importanti eventi come i dati sull’indice dei prezzi al consumo di maggio e la fine della due giorni di riunione della Federal Reserve con la decisione sui tassi di interesse.

Con la banca centrale che è vista mantenere i tassi fermi, gli investitori si concentreranno sulle proiezioni economiche e di politica monetaria aggiornate alla ricerca di indizi sulle prospettive per il resto dell'anno. Dopo i dati di venerdì scorso, i mercati hanno ridimensionato le aspettative di un taglio dei tassi nel mese di settembre e le quotazioni riflettono ora una probabilità inferiore al 50% di un taglio. La scorsa settimana le aspettative erano salite fino al 69%.Se “l’attenzione sarà rivolta principalmente all'aggiornamento del dot plot, con l'inflazione persistente e gli ultimi numeri sull'occupazione che hanno battuto tutte le stime, ci aspettiamo che le proiezioni sui tagli dei tassi vengano modificate in modo da finire con due tagli nel 2024 e quattro nel 2025 invece di tre e tre”, prevedono gli analisti di Ing in una nota. Venerdì gli analisti di JP Morgan avevano scritto in una nota di aspettarsi che il primo taglio avverrà a novembre, anziché a luglio come visto in precedenza. Nel corso della settimana sono previsti anche i dati sull'indice dei prezzi alla produzione di maggio, sui prezzi import ed export, nonché la prima pubblicazione del sondaggio sul sentiment dei consumatori dell'Università del Michigan.

Il crollo dell’euro

Il dollaro continua a rafforzarsi nei confronti dell’euro con la moneta unica scesa ai minimi da un mese a seguito della convocazione delle elezioni in Francia e la debolezza della posizione del Cancelliere Olaf Scholz a seguito delle elezioni europee terminate ieri.

L’esito delle urne aumenta le preoccupazioni circa le prospettive a lungo termine per la seconda valuta più scambiata al mondo, poiché mette in discussione le prospettive di una maggiore integrazione e di un’Europa unita, rendendo il trading più volatile.

“Se c'è qualcosa che abbiamo imparato è che all'euro non piace l'instabilità politica”, spiega Roberto Cobo Garcia, responsabile della strategia FX di Banco Bilbao Vizcaya Argentaria (BBVA) a Madrid: “La volatilità era sorprendentemente bassa all’inizio di giugno ma dovrebbe aumentare considerati gli scenari politici e geopolitici incerti”.

“La prospettiva di elezioni francesi dall’esito altamente opaco non dà motivo di acquistare l’euro”, secondo Peter Kinsella, responsabile globale della strategia FX presso Union Bancaire Privee Ubp SA, prevedendo “una sottoperformance della valuta europea per le prossime tre settimane”.

La valuta comune potrebbe scendere a 1,05 dollari nel terzo trimestre, prevede Alvin Tan, stratega presso RBC Capital Markets a Singapore: “I rischi politici sono di nuovo in aumento per l’euro”.

Il frazionamento di Nvidia

Oggi Nvidia diventa il quarto titolo dei ‘Magnifici 7’ ad effettuare un frazionamento delle azioni dal 2022. Lo split (10 per 1 azione) arriva dopo un rialzo del 212% del valore del titolo nell’ultimo anno, superando i 3 mila miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato, terza società negli Stati Uniti dopo Apple e Microsoft a raggiungere tale traguardo.

“Un frazionamento azionario è un atto di fiducia da parte del management che il titolo manterrà il suo valore, poiché il prezzo del titolo in genere aumenta”, spiega Howard Silverblatt, analista senior di S&P Dow Jones Indices. Storicamente, i frazionamenti azionari sono tipicamente rialzisti per le società che li attuano, con rendimenti medi un anno dopo del 25% contro circa il 12% per il mercato in generale, secondo un’analisi di Bank of America.

Adam Coons, chief investment officer di Winthrop Capital, prevede che lo split aumenterà l’interesse degli investitori al dettaglio, ma avverte che un afflusso dei retail potrebbe innescare volatilità per il titolo. “Possono essere un po' più rapidi ed emotivi nelle loro decisioni di acquisto e vendita, il che può portare a una maggiore volatilità quando si iniziano a diluire gli acquirenti istituzionali” prevede Coons.

Aumento della volatilità che secondo Julian Emanuel di Evercore ISI rappresenta un'opportunità per acquistare Nvidia, un titolo che considera una “opzione generazionale” e tra i nomi tecnologici “principali” di questa epoca.

Notizie societarie e pre-market USA

Nvidia (-0,6%): oggi entra in vigore il frazionamento azionario 10 per 1 dopo che la scorsa settimana ha raggiunto per la prima volta i 3.000 miliardi di dollari di valore di mercato, superando Apple e diventando la seconda azienda di maggior valore al mondo, dietro solo a Microsoft. Lo split azionario ha anche diffuso indiscrezioni sulla possibilità che la società venga presa in considerazione per entrare nel Dow Jones Industrial Average.

GameStop (+10%): torna a crescere dopo il crollo arrivato la scorsa settimana a causa del calo delle vendite nel primo trimestre.

Occidental Petroleum (+1%): Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha acquistato circa 2,57 milioni di azioni ordinarie della società petrolifera nel periodo compreso tra il 5 e il 7 giugno, secondo quanto riportato in un documento di deposito statunitense di venerdì.

KKR & Co (+10%): il 24 giugno entrerà a far parte dell’indice S&P500 insieme a CrowdStrike (+5%) e GoDaddy (+3%) sostituendo Robert Half (-1,50%), Comerica (-1%) e Illumina (-0,70%).

Southwest Airlines (+7%): Elliott Investment Management ha acquisito una partecipazione di quasi 2 miliardi di dollari nella compagnia (secondo il Wall Street Journal).

Diamond Offshore Drilling (+4,5%): verrà acquistata da Noble Corp in un'operazione in contanti e azioni valutata a 1,59 miliardi di dollari e pagherà 15,52 dollari per azione, con un premio dell'11,4% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì (13,93 dollari).

Raccomandazioni analisti

Accesso come utente registrato

La lettura di questo paragrafo è consentita solo agli utenti registrati

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

Inserisci il tuo indirizzo email e controlla la tua casella di posta!
Riceverai un'email con un codice di accesso.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMIntesa SanpaoloUnicredit
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy