ETF, cosa sono e come funzionano


Gli ETF identificano una tipologia di fondo d’investimento sempre più diffuso tra gli investitori. Ma non tutti sanno cosa sono e come funzionano gli ETF


Possibili rendimenti dal 10% al 20%

Scopri la nostra selezione di certificate di investimento!


Cos’è un ETF

Chi si sta da poco approcciando al mondo dei mercati finanziari, potrà accorgersi molto velocemente di avere una vastità di strumenti di investimento a disposizione, con caratteristiche molto differenti tra loro.

Tra gli strumenti attualmente presenti sul mercato troviamo anche gli ETF. Ma cosa sono, e come funzionano gli ETF? Gli ETF, acronimo di Exchange Traded Fund, identificano una particolare tipologia di fondo d’investimento. Un ETF si contraddistingue innanzitutto per essere negoziato in Borsa, proprio come un titolo azionario.

L’ETF ha come unico obiettivo d’investimento quello di replicare passo dopo passo la performance dell’indice al quale si riferisce (benchmark) attraverso una gestione totalmente passiva. Cosa s’intende quando si parla di gestione passiva? Quando si afferma che gli ETF hanno una strategia passiva, si intende che il loro obiettivo è quello di replicare l'andamento di un determinato indice, o il prezzo di una determinata asset class, in automatico senza che intervenga un gestore umano. Come è possibile? Un Etf ad esempio, replica al suo interno esattamente la composizione ed i pesi dell’indice al quale si riferisce.

Se ad esempio l'indice S&P 500 si apprezza dell’1%, anche l'ETF legato all'S&P 500 registrerà un rialzo della stessa proporzione. Ti ricordiamo però di tenere sempre in considerazione il rischio cambio, qualora la valuta di riferimento dell'indice sia differente da quella di negoziazione (come ad esempio l’oro o, che è negoziato in $): il rendimento dell'ETF potrà divergere da quello dell’indice di riferimento per effetto della svalutazione/rivalutazione della valuta rispetto all’euro.

Indici di riferimento

Attraverso un investimento in ETF si può accedere alle performance di molteplici asset class. È infatti possibile puntare su:

  • Indici obbligazionari (Titoli di stato denominati in euro, dollari, sterline e segmentati per scadenza. Titoli di società private dell'area euro e non).
  • Indici azionari rappresentativi di singoli mercati e di intere aree geografiche (Italia, Gran Bretagna, Germania, Svizzera, Giappone, Europa, Usa, ecc.)
  • Indici azionari di mercati emergenti (Cina, India, Russia, Brasile, Turchia, Korea, Taiwan ecc.)
  • Indici azionari settoriali (automobili, tecnologici, telecomunicazioni, utilities, banche, energia, servizi finanziari ecc).
  • Indici azionari style (mid cap, small cap, value, growth, select dividend).
  • Materie prime, come l’oro o indice che raccolgono le principali

Indici di società immobiliari e di private equity

ETF: tra fondo e titoli azionari

Un ETF unisce i vantaggi del fondo e dei titoli azionari in un unico strumento finanziario, consentendo agli investitori di sfruttare i punti di forza di entrambi gli strumenti:

  • come un fondo di investimento, un ETF permette di realizzare la diversificazione e la riduzione dei rischi;

come le azioni, un ETF offre la flessibilità e trasparenza informativa della negoziazione in tempo reale, permettendo di conoscere il valore di mercato del prodotto in ogni istante.


La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy