Stellantis, settembre con vendite in aumento in Italia ma frenata negli USA


Il dato (provvisorio) diffuso dal Ministero ha visto le immatricolazioni del gruppo in crescita del 2,4% in Italia, ma negli Stati Uniti i problemi nelle catene di fornitura hanno causato un rallentamento delle vendite pari al 6%.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Il settembre di Stellantis

Crescono le vendite italiane di Stellantis nel mese di settembre, secondo quanto diffuso ieri dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, il quale ha specificato che per motivi tecnici si tratta di numeri provvisori, mentre quelli definitivi verranno comunicati il 6 ottobre prossimo.

Nel mese scorso, il gruppo Stellantis ha immatricolato 34.176 veicoli in Italia, mettendo a segno una crescita del 2,4% rispetto alle 33.368 unità dello stesso periodo del 2021.

Diffusi anche i dati riguardanti le vendite negli Stati Uniti per il terzo trimestre dell’anno, corrispondente al 27% del fatturato di Stellantis.

Negli USA, il gruppo ha venduto 385.665 veicoli nel corso del periodo, segnando un calo del 6% rispetto allo stesso periodo del 2021

A pesare sul risultato sono i continui problemi legati ai difficili vincoli di fornitura presenti nel settore e il responsabile vendite FCA US LLC, Jeffrey Kommor, ha dichiarato che le concessionarie del gruppo stanno facendo ogni sforzo per cercare di soddisfare le esigenze di ogni singolo cliente.

L’analisi di WebSim

I numeri di Stellantis negli USA “sono di difficile paragone rispetto alle nostre stime sul terzo trimestre 2022 in quanto vendite e produzione (alla quale il fatturato è collegato) stanno seguendo due trend non sincronizzati per via dei problemi nelle catene di fornitura che hanno interrotto la produzione anche nel corso del trimestre appena concluso”, spiegano da WebSim, ma “in ogni caso, sia i dati riguardanti Francia, Italia e Spagna sia gli Stati Uniti disegnano un trend compatibile con le nostre assunzioni per la seconda parte dell’anno”.

Lo scenario della sim “non assume una forte crescita dei volumi per via di una macro meno favorevole e l’incremento dei prezzi delle auto”, e “in questo senso, il dato sul pricing negli Stati Uniti rimane di supporto”.

Alla luce di questa analisi, da WebSim confermano il giudizio ‘interessante’ sul titolo Stellantis, con target price a 21,30 euro rispetto ai 12,77 euro odierni (+2,20).

Il mercato italiano

Per quanto riguarda l’Italia, il dato (parziale) diffuso dal Ministero parla di 108.247 autovetture immatricolate, con un aumento del 2,78% rispetto alle 105.318 di settembre 2021, con i trasferimenti di proprietà saliti a 388.414 dai 300.654 precedenti (+29,19%).

Le vendite mensili globali sono state 496.661 auto, comprendenti il 21,79% di nuove vetture e il 78,21% di quelle usate.

Per quanto riguarda i nuovi veicoli, il modello più venduto è risultato la Panda (Fiat) con oltre 7 mila unità, seguito da Lancia Ypsilon (3.645) e Fiat 500 (3.801).

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Maxicedola del 12% e possibili cedole trimestrali dell'1% (4% annuo) su Assicurazioni Generali, Enel e Stellantis
Sottostanti:
Stellantis N.V.Assicurazioni Generali S.p.AEnel SpA
Maxicedola
12%
Importo Maxicedola
€120,00
Rendimento p.a.
4%
Cedole
1% - €10,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
IT0006751835
Emittente
Marex Financial
Comunicazione Pubblicitaria
Maggiori Informazioni

Possibile rendimento Annuo del 16,72% con il certificate su Renault, Stellantis e Volkswagen
Sottostanti:
Volkswagen AGRenault SAStellantis N.V.
Rendimento p.a.
16,72%
Cedole
4,182% - €41,82
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VV0P437
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: STLA.MI
Isin: NL00150001Q9
Rimani aggiornato su: Stellantis

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni