Unicredit tratta per migliorare la partnership con Nexi


Indiscrezioni di stampa parlano di una revisione dell’accordo più favorevole per Piazza Gae Aulenti rispetto a quello attuale e arriverebbe dopo mesi di trattative tra le due parti.


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Rumor sull’accordo Unicredit/Nexi

Unicredit avrebbe ottenuto un miglioramento della partnership attualmente in essere con Nexi legata al settore dei pagamenti. Per ora si tratta soltanto di rumor diffusi da due quotidiani finanziari e non sono arrivati commenti da parte delle due società.

La revisione dovrebbe comportare termini più favorevole per la banca di Piazza Gae Aulenti rispetto all’accordo attuale secondo fonti de Il Sole 24 Ore, e i prossimi mesi saranno dedicati alla revisione del contratto per arrivare così alla firma.

Da MF scrivono che l’obiettivo del negoziato è quello di ampliare e rafforzare l’intesa da 500 milioni di euro sottoscritta nel 2020 con Sia, poi confluita in Nexi a seguito della fusione del 2021. La discussione si sarebbe concentrata sugli investimenti in innovazione e sugli aspetti finanziari dell'intesa, su cui in prima battuta le posizioni delle due controparti apparivano distanti. Alla fine però le distanze si sono progressivamente ridotte.

La view degli analisti

L’accordo tra le due società sarebbe vicino “dopo l’avvio di trattative nei mesi passati volte a rinegoziare la precedente partnership in essere (nel 2016 Unicredit aveva ceduto il processing a SIA per 500 milioni di euro)”, ricordano da Equita Sim.

Ad oggi, “Nexi fornisce in outsourcing ad Unicredit alcuni servizi di processing in Italia, Austria e Germania relativi alle transazioni con carte di pagamento e alla gestione dei terminali POS e ATM”, aggiungono dalla sim, mantenendo la raccomandazione ‘buy’ su Unicredit, con target price di 34,50 euro rispetto ai 34,43 euro di questa mattina (-0,20%). Calo maggiore per il titolo Nexi (-0,70%), oggi sceso a 5,94 euro.

BlackRock si consolida

Nel frattempo, ieri Blackrock ha consolidato la sua posizione di primo azionista di Unicredit con una quota del 6,832% a seguito dell’annullamento degli ultimi 37,8 milioni di titoli comprati con la prima tranche del buyback 2023 effettuato da Piazza Gae Aulenti.

Per la stessa ragione, viene corretta al rialzo anche la partecipazione di Allianz, pari al 4,14%, e ora il capitale sociale della banca milanese risulta di 21.367.680.521,48 euro, diviso in 1.681.835.671 azioni prive del valore nominale.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13,04% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Banco BPMIntesa SanpaoloUniCredit S.p.A
Rendimento p.a.
13,04%
Cedole
3,26% - €32,60
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD2GPS2
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

Possibile premio del 14% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
Intesa SanpaoloUniCredit S.p.ABanco BPM
Rendimento p.a.
14%
Cedole
3,5% - €35,00
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VM955F4
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy

I titoli citati nell'Articolo

Titolo:
Codice: UCG.MI
Isin: IT0005239360
Rimani aggiornato su: UniCredit

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
Maggiori Informazioni