Indice Russell 2000: come investire sulle small cap USA


L'indice Russell 2000 è progettato per essere un barometro delle performance delle azioni small-cap statunitensi. Cosa rende il Russell 2000 diverso dagli altri indici?


Scopri le soluzioni di investimento

Con tutti i certificate di Orafinanza.it


Gli indici di borsa americani incentrati sulle large cap, come il Dow Jones Industrial Average e l'S&P 500, catturano gran parte dell'attenzione dei media. Tuttavia, è fondamentale che gli investitori sappiano che esistono anche altri indici che monitorano il mercato USA, come l'indice Russell 2000. Questo indice misura la performance delle 2.000 aziende più piccole incluse nell’indice Russell 3000. Lanciato nel 1984 dalla Frank Russell Company, questo indice è gestito dal gruppo FTSE Russell, una sussidiaria del London Stock Exchange (LSE) Group, ed è considerato un indicatore importante dell'economia statunitense grazie al suo focus sulle piccole società del mercato USA.

Il più ampio indice di mercato noto come Russell 3000 Index è suddiviso in due indici più piccoli: il Russell 1000 - che comprende le 1.000 aziende più grandi, e il Russell 2000 - che include le restanti società con la più bassa capitalizzazione di mercato all'interno del paniere. Nonostante rappresenti numericamente i due terzi del Russell 3000, la sua capitalizzazione di mercato totale è pari a circa il 10% di quest'ultimo.

Componenti e ponderazione indice Russell 2000

Il Russell 2000, quotato sotto il ticker "INDEXRUSSELL: RUT", è un indice diversificato che comprende un ampio numero di società appartenenti a vari settori. Tra i settori rappresentati nell'indice ci sono finanza, sanità, industria, tecnologia, energia e immobili.

Il Russell 2000 è un indice ponderato in base alla capitalizzazione di mercato, come la maggior parte degli indici di borsa, con l'eccezione principale del Dow Jones Industrial Average, che viene ponderato per prezzo. Ciò significa che le 2.000 aziende che compongono il Russell 2000 non contribuiscono in egual misura alla sua performance: quelle più grandi hanno un impatto proporzionalmente maggiore rispetto a quelle più piccole.

Ogni anno, nel mese di giugno, l'indice viene ricalibrato per riflettere al meglio le dimensioni attuali delle società incluse. Se una società diventa troppo grande, verrà rimossa dall'indice Russell 2000 e probabilmente inserita nel Russell 1000, che è progettato per essere un barometro delle performance delle azioni large-cap. Ad esempio, nel 2021 GameStop è stata trasferita dal Russell 2000 al Russell 1000, in seguito all'incremento vertiginoso del suo prezzo dovuto al fenomeno delle meme stock.

Russell 2000 vs altri indici americani di borsa

Una delle principali differenze tra il Russell 2000 e altri indici di mercato più noti è il tipo di aziende che tracciano. Il Russell 2000 si concentra esclusivamente sulle azioni delle società a piccola capitalizzazione (small cap), offrendo un'analisi dettagliata e specifica di questo segmento del mercato.

Al contrario, indici come l'S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average (DJIA) monitorano le performance delle società a grande capitalizzazione (large cap). Questi indici includono le aziende più grandi e più influenti del mercato statunitense, che spesso hanno una portata globale. Di conseguenza, mentre l'S&P 500 e il DJ forniscono un'ampia panoramica delle grandi imprese che dominano il mercato, il Russell 2000 offre una visione più mirata e rappresentativa delle piccole imprese che possono avere un impatto significativo sull'economia locale e che spesso presentano potenziali di crescita elevati ma anche maggiore volatilità. Un'alta volatilità comporta movimenti repentini sul mercato, con conseguenti vantaggi e svantaggi per gli investitori.

Indici Russell 2000 Growth e Value

Sono stati creati due sotto-indici del Russell 2000 per monitorare le performance di aziende con caratteristiche specifiche:

  • Russell 2000 Growth Index: monitora le performance delle aziende con alti rapporti prezzo-valore e con elevati valori di crescita previsti.
  • Russell 2000 Value Index: misura le performance delle aziende value con bassi rapporti prezzo/valore contabile (P/B) e con valori di crescita previsti più bassi. E' composto prevalentemente da azioni di valore di piccole aziende statunitensi.

Sintetizzando le differenze tra titoli growth e value, i titoli growth trattano generalmente a multipli più alti dei value ma "promettono" un forte aumento di ricavi e utili. In genere sono società molto esposte a business in crescita. I titoli value non promettono forti boom di utili e fatturato ma dalla loro hanno un business solido, resiliente ai cicli economici e con un buon flusso di dividendi.

Cosa rende il Russell 2000 diverso dagli altri indici?

  • Aziende più piccole e volatili: I componenti del Russell 2000 sono più piccoli rispetto a quelli degli indici più noti come l'S&P 500. Molti di questi sono aziende growth più recenti e tendono ad essere più volatili rispetto alle loro controparti più grandi. In altre parole, il Russell 2000 potrebbe sperimentare oscillazioni più drammatiche rispetto agli indici delle large cap.
  • Maggior diversificazione: Concentrandosi su una vasta gamma di società più piccole, il Russell 2000 è più diversificato rispetto ad altri indici popolari come l'S&P 500. Ad esempio, è meno dipendente dalle prestazioni di pochi grandi colossi. La capitalizzazione di mercato mediana di un'azione del Russell 2000 era di 879 milioni di dollari al 30 aprile 2024.
  • Rappresentatività del mercato: Gli indici Russell 1000, 2000 e 3000 coprono complessivamente circa il 98% dell'intero universo azionario statunitense, rendendoli estremamente rappresentativi dell'intero mercato. Investire in questi indici offre quindi un'esposizione completa all'economia statunitense.
  • Maggiore potenziale di crescita: Anche se tendono ad essere più volatili, le small cap hanno generalmente un potenziale di crescita molto maggiore rispetto alle aziende più grandi. Ad esempio, per un colosso come Apple sarebbe più difficile raddoppiare le sue dimensioni rispetto a una nuova azienda tecnologica con una capitalizzazione di mercato di 1 miliardo di dollari. Quindi, mentre le oscillazioni di prezzo delle small-cap tendono ad essere più drammatiche, queste azioni tendono a sovraperformare le large cap su lunghi periodi.

In sintesi, il Russell 2000 è composto da azioni più piccole e più volatili rispetto a quelle degli indici delle large cap. D'altra parte, il grande numero di aziende all’interno dell'indice aiuta a mitigare il rischio, poiché è meno dipendente dalla performance di una singola azione.

Come investire sul Russell 2000

Se desideri investire nell'indice Russell 2000, non è necessario acquistare tutte le 2.000 azioni che lo compongono. Esistono modi decisamente più semplici per ottenere gli stessi rendimenti, ad esempio futures sugli indici, certificate o fondi comuni di investimento basati sull'indice Russell 2000.

L'opzione più popolare sono gli ETF, che hanno come obiettivo fornire ai loro detentori un ritorno sugli investimenti che corrisponda il più possibile a quello dell’indice sottostante.

Come detto, questo indice tenderà ad essere più volatile rispetto ad altri indici di mercato, come l'S&P 500. Ciò significa che un ETF Russell 2000 è più adatto a investitori con maggior propensione al rischio.

Seguici su Telegram

Idea di investimento
Possibile premio del 13% annuo con il certificate su Banco BPM, Intesa Sanpaolo e UniCredit
Sottostanti:
UnicreditBanco BPMIntesa Sanpaolo
Rendimento p.a.
13%
Cedole
3,25% - €32,50
Memoria
si
Barriera Cedole
60%
ISIN
DE000VD5TR73
Emittente
Vontobel
Comunicazione Pubblicitaria
Fucina del Tag è un partner marketing di Vontobel
Maggiori Informazioni

La Finestra sui Mercati

Tutte le mattine la newsletter con le idee di investimento!

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy